Category Archives: – prigionieri

Cubainformacion: libertà x Ana Belen Montes

Ana Belén Montes, Chelsea Manning, Edward Snowden: l’etica crocifissa

 Cubainformación TV – Basado en un texto de Rosa Miriam Elizalde – La Jornada

La portoricana Ana Belén Montes è stata incarcerata nel 2001 a Fort Worth, Texas, dove non può ricevere visitatori, tranne che di un fratello. Né chiamare al telefono, né ricevere giornali, né guardare la televisione, né interagire con altre detenute.

Ha 64 anni e ha trascorso due decenni in assoluta solitudine. Nelson Mandela lo disse: “la cosa peggiore è star chiusi con se stessi”.

Continue reading “Cubainformacion: libertà x Ana Belen Montes” »

Share Button

Assange e l’omertà dei difensori delle verità comode

Alessandro Di Battista www.tpi.it

Il 5 febbraio del 2003 l’allora Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America Colin Powell mostrò al Consiglio di Sicurezza dell’ONU una fialetta contenente polvere bianca. Fu un modo, dal punto di vista comunicativo piuttosto efficace, per far credere al mondo intero che Saddam Hussein possedesse un arsenale di armi di distruzione di massa capace di eliminare milioni di persone. Era una fake news.

Continue reading “Assange e l’omertà dei difensori delle verità comode” »

Share Button

Un altro vergognoso pamphlet USA contro Cuba

non può accusare chi punisce in modo criminale

 

Com’è possibile che un nuovo governo a Washington mantenga la infame retorica contro paesi che, soprattutto, soffrono sanzioni penali da loro applicate? L’attuale amministrazione sa benissimo quanti danni abbia arrecato a Cuba il criminale blocco imposto, da sei decenni, ed intensificato dal presidente uscente Donald Trump.

Elson Concepción Pérez  www.granma.cu

Continue reading “Un altro vergognoso pamphlet USA contro Cuba” »

Share Button

Cubainformacion: prigionieri dell’impero

Alex Saab e Julian Assange, prigionieri politici di uno stesso regime

Nella Prima Guerra Mondiale, la Germania e il Regno Unito hanno utilizzato il blocco alimentare come strategia di guerra. Una resa per fame che, oggi, gli USA stanno perseguendo a Cuba e in Venezuela.

Nel 2016, Caracas ha risposto a questo blocco con un programma alimentare sovvenzionato: i Comitati Locali di Approvvigionamento e Produzione (CLAP).

Continue reading “Cubainformacion: prigionieri dell’impero” »

Share Button

Cubainformacion: Lula e Cuba

Lula e i due milioni di firme di Cuba

 

Nel 2018, l’ex presidente brasiliano Luiz Inácio da Silva è stato condannato al carcere, tra gli applausi di tutto il mainstreaming mediatico.

Un articolo dello scrittore Mario Vargas Llosa, pubblicato su giornali come “El País”, definiva la condanna un “modello esemplare per il resto del pianeta”.

Continue reading “Cubainformacion: Lula e Cuba” »

Share Button

Anulan condena contra Lula en Brasil

Share Button

Dopo l’assoluzione Lula continuerà a tenere un profilo basso?

Geraldina Colotti

Il giudice Edson Fachin, del Supremo Tribunal de Brasil (STB), ha annullato tutte le condanne per corruzione che avevano portato in carcere l’ex presidente Lula da Silva nell’ambito del caso Lava Jato. La XIII sezione della Corte Federale di Curitiba, che Moro presiedeva, non era competente a giudicare Lula per le diverse cause intentate contro di lui, come avevano ripetuto i suoi legali e numerosi esperti internazionali.

Continue reading “Dopo l’assoluzione Lula continuerà a tenere un profilo basso?” »

Share Button

Lula: crolla la montatura, ora si perseguano i persecutori

La bella fotografia che accompagna quest’articolo mostra Papa Francesco che abbraccia Lula e dice: “Te lo dicevo, Lula, che la verità sconfiggerà la menzogna”. Così è stato. Sta emergendo a poco a poco la verità dei fatti. Una verità che ci parla senza ombra di dubbio di una vergognosa montatura costruita a tavolino dal giudice Moro, uno di quei magistrati che infangano colla loro stessa esistenza la loro categoria di appartenenza.

Continue reading “Lula: crolla la montatura, ora si perseguano i persecutori” »

Share Button

Lula, il Brasile torna a respirare

Fabrizio Casari  www.altrenotizie.org

Il giudice Edson Fachin, del Supremo Tribunale Federale del Brasile, ha dichiarato nulli gli atti che hanno portato alla persecuzione giudiziaria, alla carcerazione ed alla sospensione dei diritti civili e politici di Ignacio Lula Da Silva. Potrebbe finire così l’agonia della giustizia brasiliana e quella personale di Lula, vittima di un complotto politico-giudiziario deciso a Washington e organizzato a Brasilia. Pur con altri procedimenti in corso, Lula è tornato soggetto di diritto, candidabile ed eleggibile, essendo venute meno le inibizioni ai diritti politici che le sentenze avevano prodotto.

Continue reading “Lula, il Brasile torna a respirare” »

Share Button

Lula assolto

Atilio Borón  www.cubadebate.cu

Quando nell’aprile 2018 Lula è stato condannato al carcere dal giudice Moro, Vargas Llosa lo ha elogiato nella sua nota pubblicata su El País di Madrid (e riprodotta in centinaia di giornali della regione) “come modello esemplare per il resto del pianeta”.

Continue reading “Lula assolto” »

Share Button

Ana Belen

Rosa Miriam Elizalde  www.jornada.com.mx

Non può ricevere visite, tranne di un fratello. Non le è consentito parlare al telefono, né ricevere giornali, riviste o guardare la televisione. Nessuno può informarsi sulla sua salute o sapere perché è in un centro per criminali con problemi mentali, quando lei non è pazza. Neppure le permettono relazionarsi con altre persone in quella prigione, dove ha trascorso due decenni in assoluta solitudine.

Continue reading “Ana Belen” »

Share Button

La frontiera imposta a Cuba da più di un secolo nel suo stesso suolo

L’amministrazione del presidente Joe Biden vuole chiudere il carcere statunitense nell’illegale Base Navale di Guantanamo (BNG), prima della fine del suo mandato, ha riferito Jen Psaki, segretaria della stampa della Casa Bianca, riportata da media dell’informazione da Washington.

Continue reading “La frontiera imposta a Cuba da più di un secolo nel suo stesso suolo” »

Share Button

Base USA a Cuba: una centenaria storia di occupazione

Karina Marrón González  www.cubadebate.cu

Nonostante le convenzioni internazionali che sostengono l’illegalità della base navale USA in territorio cubano, oggi quell’enclave militare continua a violare la sovranità della nazione caraibica.

Il 16 febbraio 1903, i presidenti di Cuba, Tomás Estrada Palma, e degli USA, Theodore Roosevelt, firmarono un accordo con il quale si cedeva la porzione di terra situata nella provincia orientale di Guantánamo, “per il tempo necessario e agli scopi di stazione navale e stazione carbonifera”.

Continue reading “Base USA a Cuba: una centenaria storia di occupazione” »

Share Button

Il carcere nella Base Navale di Guantanamo è una vergogna

Gli esperti dell’ONU per i Diritti Umani assicurano che questo centro penitenziario “avrebbe dovuto essere stato chiuso molto tempo fa”

Yisell Rodríguez Milan  www.granma.cu

Continue reading “Il carcere nella Base Navale di Guantanamo è una vergogna” »

Share Button

Base navale yankee a Guantánamo, centro di violazione dei diritti umani

Arthur González https://heraldocubano.wordpress.com

Perché il Consiglio per i Diritti Umani dell’ONU non condanna gli USA per le crescenti violazioni che commette nella base navale di Guantanamo, con i detenuti illegalmente accusati di terrorismo senza prove né processi?

Il paese che si prende il diritto di accusare e punire gli altri per presunte detenzioni arbitrarie, repressioni ed altre “violazioni” dei diritti umani, è quello che commette più azioni violente, come fanno nella loro base navale illegalmente situata a Cuba.

Continue reading “Base navale yankee a Guantánamo, centro di violazione dei diritti umani” »

Share Button

informare x vincere