Tag Archives: osa

Foro Penale: un’agenzia USA per il cambio di regime

https://misionverdad.com

Nell’era della globalizzazione, le organizzazioni non governative (ONG) si sono convertite in un attore molto importante nell’arena politica internazionale. I governi di diversi paesi occidentali, principalmente gli USA, hanno privilegiato l’incorporazione delle ONG internazionali al servizio delle loro politiche estere raggiungendo, direttamente o indirettamente, obiettivi strategici che sono difficili da raggiungere attraverso i canali governativi.

Continue reading “Foro Penale: un’agenzia USA per il cambio di regime” »

Share Button

La OSA, di nuovo contro il Nicaragua

Il Consiglio Permanente della OSA, convocato dal suo segretario generale Luis Almagro, su sollecitazioni USA e l’auspicio di Brasile, Ecuador, Cile, Costarica e  Paraguay, ha approvato martedì 15 giugno, a Washington, un progetto di risoluzione d’intromissione contro il Governo e il popolo del  Nicaragua. È stato un altro incontro per pianificare sanzioni contro paesi sovrani dell’America Latina.

Continue reading “La OSA, di nuovo contro il Nicaragua” »

Share Button

Domande necessarie ad Almagro e al Parlamento Europeo

L’assalto delle ultime settimane contro il cosiddetto “asse del male” – come il governo USA e i suoi accoliti della destra regionale hanno nominato Cuba, Venezuela e Nicaragua – ha raggiunto proporzioni inimmaginabili, anche se forse a questo punto nulla dovrebbe più sorprenderci.

Continue reading “Domande necessarie ad Almagro e al Parlamento Europeo” »

Share Button

Cubainformacion: Avana come Gaza?

Gaza e l’Avana: l’amore per i bombardamenti della “dissidenza” cubana

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

La cosiddetta “dissidenza” cubana non ha dubbi sui suoi paradigmi di democrazia e libertà: sono Israele e Colombia.

I bombardamenti israeliani su Gaza hanno causato, in meno di una settimana, circa 200 morti tra la popolazione palestinese (1). Un quarto erano bambini/e. Hanno distrutto centinaia di case, centri educativi e sanitari. Israele ha persino fatto saltare in aria la sede di diverse agenzie di stampa occidentali (2). Eliécer Ávila, capo del gruppo “dissidente” cubano Somos +, lo giustificava così: “Se il popolo palestinese continua a essere in complicità con coloro che attaccano Israele in modo terroristico e codardo, allora, dopo non mi tirino fuori gente guarda! Hanno ucciso mia zia! Sì, sì, è che tua zia vive nello stesso edificio e salutava gente che girava con un razzo. Possa il razzo arrivare, Allah! Lascia che sparino il razzetto e che il drone veda da dove viene e che Israele risponda, affinché tu veda”(3).

Continue reading “Cubainformacion: Avana come Gaza?” »

Share Button

America Latina, Se l’imperialismo USA si “tinge di verde”

Geraldina Colotti

Nell’attuale contesto geopolitico, appare sempre più chiaro come il ruolo di certe istituzioni internazionali non sia certamente quello di ricercare l’equilibrio, la pace e il rispetto dei diritti umani di cui si fa gran parlare, ma quello di legittimare una illegalità sempre più diffusa, puntellando la ricerca di nuova egemonia da parte USA, e supportando l’offensiva conservatrice in corso nel continente latinoamericano e caraibico. Istituzioni di vecchia o nuova data, che hanno ormai come unica funzione quella di avversare i governi socialisti o progressisti della regione, e che usano a senso unico le informative sui diritti umani emesse dalle grandi agenzie dell’umanitarismo, apparentemente “neutrali”.

Continue reading “America Latina, Se l’imperialismo USA si “tinge di verde”” »

Share Button

Argentina abbandona Gruppo di Lima

Continua a cambiare l’asse politico in Sudamerica con le destre che perdono terreno.

In disaccordo con la politica di “isolamento” attuata dal Gruppo di Lima contro il Venezuela chavista, l’amministrazione di Alberto Fernández ha confermato oggi la sua uscita.

Continue reading “Argentina abbandona Gruppo di Lima” »

Share Button

Diaz-Canel denuncia lo show dell’OSA contro Cuba

Il presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha denunciato oggi su Twitter lo spettacolo di menzogne e manipolazioni contro Cuba da parte dell’Organizzazione degli Stati Americani (OSA).

La stessa OSA che ha taciuto sui crimini dei golpisti in Bolivia nel 2019, e che è cieca e sorda a qualsiasi crimine commesso dalla destra in America Latina, ha detto il dirigente cubano di fronte ai tentativi di rarefare e paralizzare qualsiasi riavvicinamento tra Cuba e gli USA.

Continue reading “Diaz-Canel denuncia lo show dell’OSA contro Cuba” »

Share Button

Tre indizi sul golpe morbido che si concepisce in Bolivia

https://misionverdad.com

Alla fine del 2019, dopo la schiacciante vittoria elettorale di Evo Morales, si è consumato il colpo di stato militare e di polizia in Bolivia, con risorse golpistiche chiaramente concentrate in Santa Cruz (sotto operazioni civili e armate). Diverse fazioni sia nazionali che internazionali hanno partecipato a queste azioni illegali e violente, ma il volto visibile che ha finito per presiedere il nuovo governo de facto è stato Jeanine Áñez.

Continue reading “Tre indizi sul golpe morbido che si concepisce in Bolivia” »

Share Button

Da golpista a vittima

Arthur González https://heraldocubano.wordpress.com

In termini di disinformazione e creazione di correnti di opinione a loro favore, gli yankee sono i primi al mondo. La loro macchina di propaganda è solida e sperimentata, fabbricano una stella dalla sera alla mattina ed il caso di Jeanine Áñez, ex presidentessa golpista boliviana, ne è un buon esempio.

Continue reading “Da golpista a vittima” »

Share Button

La dittatrice spedita in prigione

Ángel Guerra Cabrera  https://lapupilainsomne.wordpress.com

L’indagine aperta e la detenzione preventiva contro Jeanine Áñez, ex presidentessa de facto della Bolivia, ex dittatrice per maggiore precisione, e due ex membri del suo gabinetto accusati di sedizione, cospirazione e terrorismo per gli eventi che hanno portato al colpo di stato nel 2019 contro di lui Presidente Evo Morales segna una tappa fondamentale nel ripristino del regime costituzionale e della giustizia in Bolivia.

Continue reading “La dittatrice spedita in prigione” »

Share Button

L’arresto di Añez e l’intromissione dell’OSA in Bolivia

Venerdì scorso sono stati emessi dalla procura boliviana i mandati di arresto per Jeanine Áñez, cinque dei suoi ex ministri e sei capi militari, per il colpo di stato e la conseguente rottura costituzionale prodotta nel novembre 2019. In particolare, Áñez è accusata di sedizione, cospirazione e terrorismo.

Continue reading “L’arresto di Añez e l’intromissione dell’OSA in Bolivia” »

Share Button

In cosa consiste il Piano Biden per il centroamerica?

CONTINUITÀ DELLE AMMINISTRAZIONI OBAMA E TRUMP

https://misionverdad.com

Il saldo negativo lasciato dalla politica estera di Barack Obama per il Centro America, soprattutto per quanto riguarda la migrazione verso gli USA, ha avuto ripercussioni molto evidenti, la cui espressione più nitida si è indubbiamente cristallizzata con la cosiddetta Carovana Migrante, che ha avuto una risposta negativa da parte dell’amministrazione Trump.

Continue reading “In cosa consiste il Piano Biden per il centroamerica?” »

Share Button

Ingerenza USA nelle elezioni ecuadoriane

Katu Arkonada  www.cubadebate.cu

Il 7 febbraio si celebrano, in Ecuador, le elezioni presidenziali e legislative (137 membri dell’assemblea). Il candidato meglio collocato per vincere le elezioni è Andrés Arauz, candidato della coalizione Unione per la Speranza (UNES). Arauz è il rappresentante dell’identità politica chiamata correísmo, erede di una rivoluzione cittadina che l’attuale governo ha cercato di annientare e bandire elettoralmente.

Continue reading “Ingerenza USA nelle elezioni ecuadoriane” »

Share Button

Perché agli USA preoccupa la recente legge approvata in Nicaragua?

Elson Concepcion Perez www.granma.cu

A solo pochi giorni da che il Segretario di Stato USA, Mike Pompeo, alzi i tacchi ed esca dalla Casa Bianca dopo Donald Trump, ha osato chiedere al presidente del Nicaragua, Daniel Ortega, che “cambi rotta” nel suo paese, ed ha affermato che “Washington non tollererà le minacce alla democrazia del Nicaragua”.

Continue reading “Perché agli USA preoccupa la recente legge approvata in Nicaragua?” »

Share Button

Il Ministero delle Colonie USA prende posizione sul Vzla

Non si smentisce l’Organizzazione degli Stati Americani (OSA, OEA), il cui segretario Almagro è allineato sulle posizioni oltranziste statunitensi e che appoggiò il colpo di Stato in Bolivia di un anno fa, ha approvato una risoluzione in cui non riconosce le elezioni del 6 dicembre in Venezuela, sostenendo che non c’è stata “trasparenza” durante il processo.

Continue reading “Il Ministero delle Colonie USA prende posizione sul Vzla” »

Share Button