Tag Archives: LawFare

Anulan condena contra Lula en Brasil

Share Button

Lula: crolla la montatura, ora si perseguano i persecutori

La bella fotografia che accompagna quest’articolo mostra Papa Francesco che abbraccia Lula e dice: “Te lo dicevo, Lula, che la verità sconfiggerà la menzogna”. Così è stato. Sta emergendo a poco a poco la verità dei fatti. Una verità che ci parla senza ombra di dubbio di una vergognosa montatura costruita a tavolino dal giudice Moro, uno di quei magistrati che infangano colla loro stessa esistenza la loro categoria di appartenenza.

Continue reading “Lula: crolla la montatura, ora si perseguano i persecutori” »

Share Button

Lula, il Brasile torna a respirare

Fabrizio Casari  www.altrenotizie.org

Il giudice Edson Fachin, del Supremo Tribunale Federale del Brasile, ha dichiarato nulli gli atti che hanno portato alla persecuzione giudiziaria, alla carcerazione ed alla sospensione dei diritti civili e politici di Ignacio Lula Da Silva. Potrebbe finire così l’agonia della giustizia brasiliana e quella personale di Lula, vittima di un complotto politico-giudiziario deciso a Washington e organizzato a Brasilia. Pur con altri procedimenti in corso, Lula è tornato soggetto di diritto, candidabile ed eleggibile, essendo venute meno le inibizioni ai diritti politici che le sentenze avevano prodotto.

Continue reading “Lula, il Brasile torna a respirare” »

Share Button

Lula assolto

Atilio Borón  www.cubadebate.cu

Quando nell’aprile 2018 Lula è stato condannato al carcere dal giudice Moro, Vargas Llosa lo ha elogiato nella sua nota pubblicata su El País di Madrid (e riprodotta in centinaia di giornali della regione) “come modello esemplare per il resto del pianeta”.

Continue reading “Lula assolto” »

Share Button

Miseria morale del “giornalismo indipendente”

Atilio Borón

Risaminando alcuni vecchi appunti accumulati nel disco rigido del mio computer, ho trovato una serie di dichiarazioni dell’Accademia Nazionale di Giornalismo (ANP) d’Argentina che manifestava la propria preoccupazione per la libertà di espressione e l’attacco a “giornalisti” come Luis Majul e Daniel Santoro.

Continue reading “Miseria morale del “giornalismo indipendente”” »

Share Button

Le impronte USA nel Lava Jato

La difesa dell’ex presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva ha ottenuto una vittoria giudiziaria importante con l’approvazione della sua petizione d’investigare la cooperazione tra l’operazione Lava Jato e le autorità statunitensi, ha informato PL.

Continue reading “Le impronte USA nel Lava Jato” »

Share Button

Un partito, quello di Fidel

Ho la più profonda convinzione che
                                                                    l’esistenza di un partito è e dev’essere,
                                                                  per un lungo periodo storico che nessuno
                                                                      può prevedere sino a quando, la forma
                                                                                 di organizzazione politica della
                                                                                                       nostra società»

                                                                                                       —Fidel Castro

L’ex agente della CIA Philip Agee dichiarò nel marzo del 1987, in un’intervista a Zona Zero citata da Alfredo Grimaldos a pagina 150 del suo libro del 2006 “La CIA in Spagna”, pubblicato a Cuba nel 2007:

«Nel Programma Democrazia, elaborato dall’Agenzia, si dedica una speciale attenzione alle fondazioni dei partiti politici tedeschi, soprattutto alla Friedrich Ebert, del Partito Socialdemocratico, e la Konrad Adenauer Stiftung, dei democristiani. Queste fondazioni erano state stabilite dai partiti tedeschi negli anni ’50 e si utilizzarono per canalizzare il denaro della CIA verso queste organizzazioni, come parte delle operazioni di ‘costruzione della democrazia’, dopo la Seconda Guerra Mondiale. Dopo negli anni ’60, le fondazioni tedesche cominciarono ad appoggiare i partiti fratelli ed altre organizzazioni all’estero e cercarono nuovi canali per il denaro della CIA.

Continue reading “Un partito, quello di Fidel” »

Share Button

Cubainformacion: Operazione Condor ieri ed oggi

Operazione Condor: impedire l’esempio di Cuba, ieri e oggi

 

L’Operazione Condor, stabilita nel 1975, deve il suo nome all’operazione della CIA per assassinare Fidel Castro in Cile.

Il suo obiettivo era abbattere i movimenti di sinistra in tutta l’America Latina, distruggendo l’esempio della Rivoluzione Cubana.

Continue reading “Cubainformacion: Operazione Condor ieri ed oggi” »

Share Button

Non lasciarci convertire in mansuete colonie

Quanto accaduto contro Evo e Correa rafforza la giuridicizzazione intrapresa dalla destra, l’OSA ed il governo USA, contro tutti i dirigenti popolari della regione latinoamericana

Elson Concepción Pérez  www.granma.cu

Continue reading “Non lasciarci convertire in mansuete colonie” »

Share Button

Venezuela. Sanzioni e lawfare, armi subdole delle democrazie borghesi

di Geraldina Colotti

Democrazia “partecipata e protagonista”. Così la costituzione bolivariana definisce l’importanza del potere popolare in Venezuela. Questo significa che la politica, intesa come gestione della polis, non è delegata a un atto rituale da espletare con il voto a ogni tornata elettorale, ma è organizzazione quotidiana, diretta e responsabile che riguarda ogni persona, intesa come essere sociale. Prevede soggetti consapevoli delle cause e delle conseguenze del proprio agire nel mondo, che non si limitano a essere spettatori o spettatrici.

Continue reading “Venezuela. Sanzioni e lawfare, armi subdole delle democrazie borghesi” »

Share Button

Ecuador. Respinta la candidatura di Rafael Correa

di Geraldina Colotti

In Ecuador, il 7 febbraio 2021 si svolgeranno le elezioni per rinnovare il governo e il parlamento. Dalle primarie realizzate dalle varie formazioni politiche nel mese di agosto, sono emerse 20 formule, che si candidano come presidente e vicepresidente, 16 delle quali si sono iscritte nel registro elettorale entro il 3 di settembre. Avrebbe voluto farlo, attraverso una delega data alla sorella, anche l’ex presidente Rafael Correa, candidato alla vicepresidenza di Andrés Arauz per il partito Centro Democratico.

Share Button

La giudizializzazione di Álvaro Uribe

 L’inizio di una nuova narcoguerra in Colombia?

https://medium.com/@misionverdad2012

In Colombia, una decisione unanime della Corte Suprema di Giustizia ha posto agli arresti domiciliari il senatore ed ex presidente Álvaro Uribe Vélez, atto questo che rappresenta una pietra miliare nella storia contemporanea della Colombia ed un fatto di scalpore internazionale.

Uribe, che ha più di 200 processi penali contro di lui per un lungo elenco di crimini, è accusato di atti di corruzione e frode processuale nel caso di “falsi testimoni” contro il congressista Iván Cepeda; processo giudiziario che ha portato Uribe ad una dichiarazione dinanzi a questa Corte, nel 2018.

Continue reading “La giudizializzazione di Álvaro Uribe” »

Share Button

Inabilitazione e procrastinazione elettorale

Il lawfare continua in America Latina

Benché il Tribunale per il Contenzioso Elettorale ecuadoriano abbia annullato, questa domenica, la sospensione del Movimento Impegno Sociale, secondo Prensa Latina, è chiara la parzializzazione politica nei confronti delle elezioni del 7 febbraio 2021

Enrique Moreno Gimeranez  www.granma.cu

Continue reading “Inabilitazione e procrastinazione elettorale” »

Share Button

Bolivia. Il governo de facto vuole arrestare Evo ed eliminare il M.A.S

Lunedì 6 giugno la magistratura boliviana ha condannato e chiesto la detenzione dell’ex presidente Evo Morales per “Terrorismo e sedizione”. È stata nuovamente attivata, in questo modo, la causa fondata su un audio attribuito all’ex presidente che, a quanto pare, dal Messico dove si trovava rifugiato, ha istruito il dirigente cocalero Faustino Yutra su come bloccare le strade e impedire l’ingresso di alimenti a diverse città, nel contesto dei conflitti scatenati nel novembre del 2019, il cui esito è stato un colpo di stato.

Continue reading “Bolivia. Il governo de facto vuole arrestare Evo ed eliminare il M.A.S” »

Share Button

Lawfare in Ecuador

www.lantidiplomatico.it

La pandemia non ferma le operazioni lawfare in America Latina contro i principali dirigenti delle sinistre progressiste e socialiste.

Nella giornata di martedì un tribunale della Corte nazionale di giustizia dell’Ecuador ha condannato l’ex presidente Rafael Correa a 8 anni di prigione per il presunto crimine di “corruzione aggravata”, considerato colpevole in concorso con l’ex vicepresidente Jorge Glas.

Continue reading “Lawfare in Ecuador” »

Share Button