Tag Archives: honduras

Cuba non è sola

La condanna mondiale dei popoli del criminale blocco economico, commerciale e finanziario imposto dagli USA a Cuba; la condanna dell’attentato terrorista contro l’ambasciata di Washington e la richiesta d’assegnare il Premio Nobel della Pace al contingente Henry Revee, sono i temi dei messaggi ricevuti, inviati dai partiti politici, le organizzazioni solidali e le personalità simpatizzanti con la Rivoluzione.

Continue reading “Cuba non è sola” »

Share Button

Salvador e Honduras, guai USA

 Giorgio Trucchi  www.altrenotizie.org

I “marmocchi viziati” di Washington in Centroamerica stanno avendo giorni complicati. Per gli Stati Uniti, che stanno attraversando una delle peggiori crisi sanitarie, economiche e sociali, ciò rappresenta un altro colpo alla loro strategia politico-militare per riprendere posizione nel continente. Juan Orlando Hernández, presidente dell’Honduras, si è nuovamente fatto rieleggere nel 2017 nonostante la candidatura incostituzionale, una sfacciata frode elettorale ed una violenta repressione post-elettorale con un bilancio di oltre 30 persone assassinate dalle forze repressive dello Stato.

Continue reading “Salvador e Honduras, guai USA” »

Share Button

Non è concorrenza, è solidarietà cubana

Con il titolo “Non è concorrenza, è solidarietà cubana”, una colonna giornalistica difende oggi in Honduras la collaborazione medica cubana nella lotta contro la pandemia globale del COVID-19.

Continue reading “Non è concorrenza, è solidarietà cubana” »

Share Button

Un altro gesto si aggiunge alla storia di solidarietà di Cuba

Leydis Maria Labrador Herrera  www.granma.cu

Con l’arrivo in Honduras, domenica, di 20 professionisti sanitari, appartenenti al Contingente Internazionale di Medici Specializzati in Situazioni di Disastri e Gravi Epidemie Henry Reeve, per la lotta al COVID-19, si rafforza la tradizione internazionalista della nostra isola con il paese centroamericano.

Continue reading “Un altro gesto si aggiunge alla storia di solidarietà di Cuba” »

Share Button

La taglia su Maduro innesca una confessione sul golpe di Guaidó

Leonardo Flores,The Gray Zone

L’incriminazione carica di raggiri da parte dell’amministrazione Trump del presidente Nicolas Maduro e di membri del suo circolo interno è risultata un brutto boomerang, portando alla rivelazione di un piano violento di assassinio che potrebbe determinare l’arresto del leader del colpo di stato Juan Guaidó.

Continue reading “La taglia su Maduro innesca una confessione sul golpe di Guaidó” »

Share Button

A 4 anni dalla sua semina: Berta continua ad essere infinita

Tra gli 8,6 milioni di voci che abitano questo paesino, cuore dell’America Centrale, chiamato Honduras, 45 anni fa, è sorta la voce di una guerriera, di una donna forte che ha saputo incarnare tutte le allegre, giuste e necessarie disubbidienze, che non è riuscita a rimanere in nessun stampo e giustamente per questo motivo li ha rotti tutti e ne ha creato uno tutto suo, regolato con i suoi principi fermi ed infrangibili, come la sua voce, dove denunciava le ingiustizie e difendeva con coraggio i beni sacri del suo paese. Quella donna, alloggiata in migliaia e migliaia di cuori è Berta Isabel Caceres Flores.

Continue reading “A 4 anni dalla sua semina: Berta continua ad essere infinita” »

Share Button

Bolivia ed il modello Honduras: colpo di stato, proscrizione e frode

Come accaduto con Manuel Zelaya, dopo il colpo di stato contro Evo Morales, il recente annuncio della sua proscrizione è parte di un copione che non è stato scritto né in Honduras né in Bolivia, ma a Washington. Un testo che è seguito alla lettera dal TSE, dall’USAID e dall’OSA in un rozzo tentativo che le elezioni del 3 maggio si trasformino in una mascherata democratica che lavi l’immagine e dia continuità al governo golpista.

Continue reading “Bolivia ed il modello Honduras: colpo di stato, proscrizione e frode” »

Share Button

Il risultato, lo decideranno i popoli

Angel Guerra Cabrera  www.cubadebate.cu

Una potente controffensiva popolare percorre nostra America e oltre. Nelle terre latinocaraibiche, potrebbe dirsi che è iniziata da Haiti nel gennaio di quest’anno, la fiamma della lotta si è ravvivata in Honduras, che a ottobre ha ottenuto un’importante dimostrazione su scala nazionale, mentre in Ecuador scoppiava una sollevazione indigena e popolare contro un pacchetto del Fondo Monetario Internazionale (FMI).

Continue reading “Il risultato, lo decideranno i popoli” »

Share Button

Cubainformacion: paradossi informativi


Un modello fallito senza denutrizione, una dittatura con record di elezioni

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Il giornalista Manuel Durán ha trascorso un anno e 100 giorni in una prigione (1). Ma dal momento che non era a Cuba, ma negli USA, dove è stato arrestato mentre copriva una protesta contro la detenzione di immigrati, lo leggiamo solo sulla stampa alternativa (2).

Continue reading “Cubainformacion: paradossi informativi” »

Share Button

Cubainformacion: un ‘inferno’…libero e sicuro


Cuba: un ‘inferno’ … libero e sicuro?

 

Il blocco USA provoca carenze di ogni tipo alla popolazione di Cuba. Qualcosa che dovrebbe far schizzare, ad esempio, i tassi di criminalità.

Ebbene no: confrontiamo il suo tasso annuale di omicidi, 4 per 100000 persone, con quello della Giamaica (47) o dell’Honduras (90).

Continue reading “Cubainformacion: un ‘inferno’…libero e sicuro” »

Share Button

Falco dell’era Bush propone una guerra segreta contro il Venezuela

http://misionverdad.com

Il suo nome è José Cárdenas ed ha diretto l’USAID per l’America Latina durante l’amministrazione di George W. Bush. Nell’ambito latinoamericano, è ampiamente noto per aver attivamente partecipato al colpo di stato contro il presidente dell’Honduras Manuel Zelaya, nel 2009. È un falco con tutti gli accessori che ha adattato al contesto latinoamericano.

Continue reading “Falco dell’era Bush propone una guerra segreta contro il Venezuela” »

Share Button

Honduras: 10 anni di golpe e neoliberismo

Katu Arkonada www.cubadebate.cu

Le mobilitazioni popolari si succedono in Honduras. In questi giorni sono 60 mila medici e insegnanti sul piede di guerra contro un sistema politico che cerca, per imposizione del Fondo Monetario Internazionale, la privatizzazione della salute e dell’istruzione. Le mobilitazioni hanno un tale grado di sostegno popolare per la Polizia Nazionale ha aderito allo sciopero, costringendo il governo di Juan Orlando Hernandez (JOH) a schierare le forze armate in compiti di repressione delle proteste popolari.

Continue reading “Honduras: 10 anni di golpe e neoliberismo” »

Share Button

Honduras in fiamme

 Intervista a Gilberto Rios, dirigente del partito Libre

di Geraldina Colotti

Morti, feriti e una tensione crescente tra i manifestanti che chiedono le dimissioni del “narcopresidente” Juan Orlando Hernández (JOH), e le forze di repressione. L’Honduras s’infiamma, dando luogo a una situazione che, secondo diversi analisti, è di carattere pre-insurrezionale. Manuel Zelaya, presidente dell’Honduras dal 2006 al 2009 e fondatore del Partito Libre, invita i militanti a continuare a oltranza la protesta.

Continue reading “Honduras in fiamme” »

Share Button

Honduras sul punto di rottura

R. A. Salgado Bonilla, Internationalist 360°, http://aurorasito.altervista.org

Nei giorni scorsi, nelle conversazioni e comunicazioni della piccola borghesia locale, s’intensificavano i messaggi che parlano apertamente di colpo di Stato per porre fine al mandato fraudolento di Juan Orlando Hernandez.

Questa campagna è molto simile a quella dei giorni precedenti al colpo di Stato militare del 2009.

Come è noto, tali campagne sono solitamente pianificate dall’intelligence militare e il loro scopo non è sempre quello affermato.

Continue reading “Honduras sul punto di rottura” »

Share Button

I media mainstream amano le proteste…ma non in Honduras

Le rivolte contro il presidente Juan Orlando Hernandez imperversano in Honduras da diversi giorni. Ma la copertura mediatica della stampa è stata molto diversa dalle proteste contro il venezuelano Nicolas Maduro. E non è difficile capire i motivi. Fonte articolo
Share Button