Category Archives: – repressione

Ecuador: giudice ordina scarcerazione dell’ex vicepresidente Jorge Glas

La Redazione de l’AntiDiplomatico

L’ex vicepresidente della Repubblica, Jorge Glas, ha riacquistato la libertà, dopo che un giudice ne ha ordinato la liberazione dalla prigione 4 di Quito.

Il giudice penale Emerson Curipallo ha ordinato a Glas di presentarsi una volta alla settimana alla Penitenciaría del Litoral e ha disposto che non potrà lasciare il paese.

Continue reading “Ecuador: giudice ordina scarcerazione dell’ex vicepresidente Jorge Glas” »

Share Button

Cubadebate: Facebook blocca l’accaunt

In un’altra azione punitiva, a Cubadebate viene impedito di pubblicare, sulla sua pagina Facebook, in un giorno così importante per Cuba. Gli amministratori e gli editori di Cubadebate non hanno il permesso di pubblicare, oggi, sulla loro pagina su quella rete sociale.

Continue reading “Cubadebate: Facebook blocca l’accaunt” »

Share Button

Lo sport di marcare il nemico

Rosa Miriam Elizalde

Lunedì a mezzogiorno, gli utenti di Twitter hanno notato una modifica alla politica di etichettaggio. La piattaforma della rete sociale ha iniziato a marcare un gruppo di media pubblici come “affiliati al governo cubano” e l’etichetta sarebbe apparsa, a sua volta, sui messaggi inviati o condivisi da qualsiasi account individuale che avesse un collegamento ai siti Web di quelle pubblicazioni. Martedì, Facebook ha chiuso una ventina di profili di presunti sostenitori della Rivoluzione cubana, ma ne ha lasciati centinaia che pubblicano manuali di bombe fatte in casa, appellano a bruciare stazioni di polizia, annunciano spedizioni armate, divulgano dati privati ​​​​per il killeraggio politico, minacciano e insultano da account all’estero.

Continue reading “Lo sport di marcare il nemico” »

Share Button

Un posto nel cuore del popolo

Abel Prieto Jimenez

Alpidio, il nostro Ministro della Cultura, ha appena spiegato, sul suo profilo Twitter, in una sintesi brillante, perché i nemici della Rivoluzione Cubana attaccano Díaz-Canel con tanta cattiveria, in modo così ossessivo e perverso. E’ che la sua leadership li esaspera, il suo coraggio, la sua intelligenza, la sua onestà a fior di pelle, la sua semplicità, la sua fermezza, la sua trasparenza, la sua capacità di comunicare con la gente e di costruire l’unità nei momenti più difficili.

Continue reading “Un posto nel cuore del popolo” »

Share Button

Alex Saab e Julian Assange

Come l’imperialismo USA viola il diritto internazionale

Geraldina Colotti

Julian Assange e Alex Saab, un giornalista e un diplomatico. Il primo, in attesa di essere estradato negli USA, l’altro sequestrato e mantenuto in una prigione della Florida in spregio al diritto internazionale. Due esempi dell’arroganza imperialista degli Stati uniti appoggiata, nel caso di Assange, dal governo britannico, mentre nel caso di Saab il sequestro è potuto avvenire con la complicità di un paese dipendente, Capo Verde, incapace di dire “no” agli USA

Continue reading “Alex Saab e Julian Assange” »

Share Button

Cristina, la speranza e la prospettiva

Angel Guerra Cabrera | La pupila insomne

L’ultimo e scandaloso episodio della guerra giudiziaria e mediatica contro Cristina Fernández de Kirchner sta facendo pagare un alto costo politico alla destra, incapace di calcolare le riserve di energia politica accumulate nel popolo. Non è ozioso ricordare la richiesta del PM  per l’imputata: 12 anni di reclusione e inabilitazione a vita dall’occupare cariche pubbliche.

Continue reading “Cristina, la speranza e la prospettiva” »

Share Button

Ricordare sempre per sapere chi siamo e cosa vogliamo

La Notte delle matite (Noche de los Lápices), è il nome in codice dell’operazione organizzata dalla polizia argentina, con lo scopo di sequestrare, sempre durante la notte, reprimere, torturare ed uccidere gli studenti delle scuole superiori che si fossero resi colpevoli di “attività atee ed anti nazionaliste”.

Continue reading “Ricordare sempre per sapere chi siamo e cosa vogliamo” »

Share Button

Free Alex Saab. Due anni dal sequestro del diplomatico venezuelano

Geraldina Colotti

Sono trascorsi due anni dal sequestro e della deportazione negli Stati Uniti del diplomatico venezuelano Alex Saab. Due anni durante i quali è cresciuta la solidarietà e anche l’indignazione per l’arroganza con cui Washington si è fatta beffe del diritto internazionale, creando un pericoloso precedente. Calpestare l’immunità di un diplomatico, accreditato come ambasciatore plenipotenziario del Venezuela in Africa, non è proprio un atto corrente. Gli Stati Uniti se lo sono permessi nel quadro dell’assedio internazionale al Venezuela, che Saab ha cercato di spezzare, importando alimenti e medicine nonostante le misure coercitive unilaterali imposte dagli Usa.

Continue reading “Free Alex Saab. Due anni dal sequestro del diplomatico venezuelano” »

Share Button

Assange, sipario sulla democrazia 

Michele Paris  www.altrenotizie.org

Mentre il governo del Regno Unito è ufficialmente impegnato nello sforzo epocale di difendere la “democrazia” ucraina contro l’aggressione del dittatore Vladimir Putin, un tribunale di Londra ha dato il via libera formale all’estradizione negli Stati Uniti del fondatore di Wikileaks, Julian Assange.

Continue reading “Assange, sipario sulla democrazia ” »

Share Button

Cubainformacion: NO NATO!

Il diritto all’autodeterminazione secondo la NATO

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Vi immaginate che il presidente di Cuba, in televisione, minacciasse i trasportatori privati ​​di sospendere le loro licenze o di assegnare loro una fedina penale che inciderà sul loro futuro sostentamento economico (1)?

Il Primo Ministro del Canada l’ha fatto (2). E non succede…nulla. A Ottawa, per reprimere le proteste dei camionisti, la polizia ha arrestato 190 persone e sequestrato quasi 80 veicoli (3). Ha usato spray al peperoncino, granate stordenti e cavalli e ha attivato un centinaio di posti di blocco per impedire l’accesso al centro città (4). Avete letto, in qualche media, la parola “repressione”?

Continue reading “Cubainformacion: NO NATO!” »

Share Button

Una donazione sospetta

Gli USA hanno inviato 8 milioni di $ alla polizia colombiana discussa per la repressione contro il suo popolo.

La vice segretaria di Stato per i Temi Politici degli USA, Vittoria Nuland, ha reso noto nella sua visita ufficiale in Colombia che il suo governo ha stanziato 8 milioni di $ per rinforzare la polizia nazionale del paese sudamericano.

Continue reading “Una donazione sospetta” »

Share Button

Una giornata per la liberazione di Alex Saab

Geraldina Colotti

Il 16, in Venezuela e in altre città del mondo, è stato il giorno di Alex Saab. A Caracas, si sono svolti tre dibattiti significativi per chiedere la liberazione del diplomatico-imprenditore, sequestrato e deportato negli Stati Uniti, che lo accusano di “cospirazione”. Per la difesa e per il comitato Free Alex Saab, invece, il diplomatico ha solo aiutato il Venezuela bolivariano a evadere il blocco economico-finanziario imposto dagli Usa e dai suoi satelliti, importando alimenti, combustibile e medicine.

Continue reading “Una giornata per la liberazione di Alex Saab” »

Share Button

Assange, o liquidare il messaggero

Francisco Sierra Caballero www.cubadebate.cu

La libertà di espressione è in pericolo. Nello stato fallito USA, mentre l’amministrazione di Joe Biden gioca alla spirale della dissimulazione sotto forma di vertice della democrazia per la regione si conta, ancora una volta, sul Cavallo di Troia della giustizia britannica e del suo Stato, storicamente allineato agli interessi nordamericani per esemplificare così un “avviso ai naviganti”.

Continue reading “Assange, o liquidare il messaggero” »

Share Button

Cubainformacion: caso Assange e media

Julian Assange, Cuba e la superpotenza vendicativa

 

È la lettera aperta di una madre al mondo. Christine Ann Assange parla del dolore nel vedere suo figlio Julian, giornalista, che “ha avuto il coraggio di pubblicare la verità sui crimini governativi di alto livello”.

Continue reading “Cubainformacion: caso Assange e media” »

Share Button

L’imperdonabile solitudine di Julian Assange

Atilio A. Borón – Pagina 12

Julian Assange è sepolto dalla “Giustizia” inglese in un carcere di massima sicurezza. Quello di sepolto non è un ingannevole appello ad una parola che ci scuote, bensì una sobria descrizione della cella in cui -a poco a poco, ora dopo ora- il fondatore di WikiLeaks sta scontando la condanna a morte che gli hanno riservato.

Continue reading “L’imperdonabile solitudine di Julian Assange” »

Share Button