Category Archives: – repressione

Cubainformacion: libertà x Ana Belen Montes

Ana Belén Montes, Chelsea Manning, Edward Snowden: l’etica crocifissa

 Cubainformación TV – Basado en un texto de Rosa Miriam Elizalde – La Jornada

La portoricana Ana Belén Montes è stata incarcerata nel 2001 a Fort Worth, Texas, dove non può ricevere visitatori, tranne che di un fratello. Né chiamare al telefono, né ricevere giornali, né guardare la televisione, né interagire con altre detenute.

Ha 64 anni e ha trascorso due decenni in assoluta solitudine. Nelson Mandela lo disse: “la cosa peggiore è star chiusi con se stessi”.

Continue reading “Cubainformacion: libertà x Ana Belen Montes” »

Share Button

Assange e l’omertà dei difensori delle verità comode

Alessandro Di Battista www.tpi.it

Il 5 febbraio del 2003 l’allora Segretario di Stato degli Stati Uniti d’America Colin Powell mostrò al Consiglio di Sicurezza dell’ONU una fialetta contenente polvere bianca. Fu un modo, dal punto di vista comunicativo piuttosto efficace, per far credere al mondo intero che Saddam Hussein possedesse un arsenale di armi di distruzione di massa capace di eliminare milioni di persone. Era una fake news.

Continue reading “Assange e l’omertà dei difensori delle verità comode” »

Share Button

Biden e la rinascita del genio: il piano Colombia 2.0

di Alan MacLeod* https://amicuba.altervista.org

In uno sforzo presumibilmente mirato a ridurre la produzione di cocaina, la Colombia è pronta a tornare a una massiccia campagna aerea di irrorazione del glifosato della Monsanto in tutto il paese.

Il ministro della Difesa Diego Molano ha confermato che la controversa pratica della fumigazione – accantonata dal 2015 – riprenderà ad aprile.

Continue reading “Biden e la rinascita del genio: il piano Colombia 2.0” »

Share Button

Argentina: ricordo del colpo di stato militare del 1976

Le madri di Plaza de Mayo protestano contro il palazzo presidenziale chiedendo la verità per i loro figli. Foto di Bill Hackwell

di Alicia Jrapko  https://amicuba.altervista.org

Continue reading “Argentina: ricordo del colpo di stato militare del 1976” »

Share Button

Argentina: Giorno Nazionale della Memoria

Il presidente argentino Alberto Fernández ha decorato con il premio Juana Azurduy le Madri e le nonne di Piazza di Maggio. La cerimonia con un alto significato politico e storico ha fatto parte delle attività per commemorare il Giorno Nazionale della Memoria per la Verità e la Giustizia, giornata nella quale l’Argentina rivitalizza il ricordo delle più di 30.000 vittime uccise —tra il 1976 e il 1983— dall’ultima dittatura militare.

Continue reading “Argentina: Giorno Nazionale della Memoria” »

Share Button

Colombia: Chiquita Brands dietro ai paramilitari

PATRIA GRANDE di David Lifodi

Lo sostiene l’avvocata di Earthrights International Kelsey Jost-Creegan, che ripercorre la legalizzazione dei paramilitari, tramite la copertura giuridica di cooperative di vigilanza e sicurezza da parte dello Stato con il beneplacito dell’impresa bananera.

Continue reading “Colombia: Chiquita Brands dietro ai paramilitari” »

Share Button

Cubainformacion: Lula e Cuba

Lula e i due milioni di firme di Cuba

 

Nel 2018, l’ex presidente brasiliano Luiz Inácio da Silva è stato condannato al carcere, tra gli applausi di tutto il mainstreaming mediatico.

Un articolo dello scrittore Mario Vargas Llosa, pubblicato su giornali come “El País”, definiva la condanna un “modello esemplare per il resto del pianeta”.

Continue reading “Cubainformacion: Lula e Cuba” »

Share Button

Anulan condena contra Lula en Brasil

Share Button

Álvaro Uribe Vélez, un criminale impunito

Maria Fernanda Barreto  https://misionverdad.com

La recente decisione della Procura colombiana di richiedere la preclusione delle indagini contro Álvaro Uribe Vélez, lo avvicina, nuovamente, alla totale impunità a cui è abituato.

Ma quell’impunità non è un suo privilegio, è una tradizione imposta nella presunta democrazia colombiana, dove i più grandi crimini rimangono impuniti, fintanto che siano commessi dalla classe politica o dai suoi capi del nord.

Continue reading “Álvaro Uribe Vélez, un criminale impunito” »

Share Button

Lula: crolla la montatura, ora si perseguano i persecutori

La bella fotografia che accompagna quest’articolo mostra Papa Francesco che abbraccia Lula e dice: “Te lo dicevo, Lula, che la verità sconfiggerà la menzogna”. Così è stato. Sta emergendo a poco a poco la verità dei fatti. Una verità che ci parla senza ombra di dubbio di una vergognosa montatura costruita a tavolino dal giudice Moro, uno di quei magistrati che infangano colla loro stessa esistenza la loro categoria di appartenenza.

Continue reading “Lula: crolla la montatura, ora si perseguano i persecutori” »

Share Button

Lula, il Brasile torna a respirare

Fabrizio Casari  www.altrenotizie.org

Il giudice Edson Fachin, del Supremo Tribunale Federale del Brasile, ha dichiarato nulli gli atti che hanno portato alla persecuzione giudiziaria, alla carcerazione ed alla sospensione dei diritti civili e politici di Ignacio Lula Da Silva. Potrebbe finire così l’agonia della giustizia brasiliana e quella personale di Lula, vittima di un complotto politico-giudiziario deciso a Washington e organizzato a Brasilia. Pur con altri procedimenti in corso, Lula è tornato soggetto di diritto, candidabile ed eleggibile, essendo venute meno le inibizioni ai diritti politici che le sentenze avevano prodotto.

Continue reading “Lula, il Brasile torna a respirare” »

Share Button

Lula assolto

Atilio Borón  www.cubadebate.cu

Quando nell’aprile 2018 Lula è stato condannato al carcere dal giudice Moro, Vargas Llosa lo ha elogiato nella sua nota pubblicata su El País di Madrid (e riprodotta in centinaia di giornali della regione) “come modello esemplare per il resto del pianeta”.

Continue reading “Lula assolto” »

Share Button

Ana Belen

Rosa Miriam Elizalde  www.jornada.com.mx

Non può ricevere visite, tranne di un fratello. Non le è consentito parlare al telefono, né ricevere giornali, riviste o guardare la televisione. Nessuno può informarsi sulla sua salute o sapere perché è in un centro per criminali con problemi mentali, quando lei non è pazza. Neppure le permettono relazionarsi con altre persone in quella prigione, dove ha trascorso due decenni in assoluta solitudine.

Continue reading “Ana Belen” »

Share Button

La nuova marcia per il cambiamento politico ad Haiti

Share Button

Cosa sta succedendo ad Haiti?

https://misionverdad.com

Per cercare di rispondere a questa domanda è necessario individuare le cause della crisi politica, economica e sociale di Haiti e addentrarsi nella sua storia segnata da invasioni, tutela e saccheggio da parte delle potenze imperiali.

Continue reading “Cosa sta succedendo ad Haiti?” »

Share Button

informare x vincere