Tag Archives: media

Cuba migrazione a piattaforme open source

L’uso di piattaforme open source e software cubano rafforzerà il nostro settore, la sovranità tecnologica e la sicurezza delle informazioni

Continue reading “Cuba migrazione a piattaforme open source” »

Share Button

Cubainformacion: mantra mediatico

Il mantra della stampa cubana “indipendente”

 

Secondo la giornalista Rosa Miriam Elizalde, il governo USA, nella sua guerra informativa contro Cuba, sostiene e promuove, attualmente, due strutture parallele di media digitali.

Una è stata creata durante il mandato di Barack Obama: sono siti digitali con una fattura più classica e professionale. Un’altra, uno sciame di almeno 150 media, è stata sviluppata dall’amministrazione di Donald Trump e ha un tratto panflettistico e da gossip.

Continue reading “Cubainformacion: mantra mediatico” »

Share Button

Piano Condor mediatico

Questa fase della battaglia vedrà -come non mai- acutizzate, tecnificate e aggiornate le offensive mediatiche contro il popolo, è urgente comprendere questa lotta

Fernando Buen Abad  www.granma.cu

Continue reading “Piano Condor mediatico” »

Share Button

Cubainformacion: necrofilia mediatica

Cuba: necrofilia mediatica e glossario dell’odio

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

 Le pubblicazioni sulla recente sostituzione di Raúl Castro alla guida del Partito Comunista di Cuba hanno dimostrato, ancora una volta, che, sul “tema Cuba”, il sistema mediatico internazionale non garantisce né pluralità, né libertà di pensiero, e che riproduce un’unica visione dell’isola.

Continue reading “Cubainformacion: necrofilia mediatica” »

Share Button

Quando bruciano le regole di base del giornalismo e della comunicazione

È tragico che un grande incendio si verifichi nelle aree del Parco Nazionale Alejandro de Humboldt, un sito naturale dichiarato Patrimonio dell’Umanità, e che, insieme ai suoi valori endemici, lasciamo ardere i principi e le regole di base della comunicazione pubblica di cui abbiamo tanto discusso negli ultimi tempi nel paese.

Continue reading “Quando bruciano le regole di base del giornalismo e della comunicazione” »

Share Button

Oggi, la difesa della Rivoluzione spetta ai media

Víctor Dreke, leggendario comandante delle forze armate rivoluzionarie cubane, ha invitato coloro che difendono la rivoluzione oggi a riconoscere che il campo di battaglia del 21° secolo sono i media.

Continue reading “Oggi, la difesa della Rivoluzione spetta ai media” »

Share Button

Media e giornalisti nel mirino della sovversione contro Cuba

Il giornalista Rodolfo Romero ricorda ancora il pomeriggio del 2014, quando lui e altri blogger incontrò “qualcuno” in via G, nella capitale, che proponeva un progetto per diffondere la verità su Cuba.

L’idea è venuta a Radio NederlandWereldomroep (RNW) in spagnolo, e a prima vista sembrava una buona opportunità per una radio internazionale di dare spazio ai giovani della nazione caraibica per raccontare la vita quotidiana del paese, così distorta dai monopoli transnazionali dell’informazione.

Continue reading “Media e giornalisti nel mirino della sovversione contro Cuba” »

Share Button

Lettera al Direttore di BBC Mondo

Jorge Arreaza 

“Signor Tim Davie, direttore generale della BBC, Londra, Regno Unito.

Le scrivo questa lettera  rispettosamente, obbligato dalle circostanze ed a causa della linea editoriale che il suo network BBC Mundo sta portando avanti sulla realtà della Repubblica Bolivariana del Venezuela.

Continue reading “Lettera al Direttore di BBC Mondo” »

Share Button

Ignacio Ramonet: “La verità è sempre più emotiva e non reale”.

La rivoluzione cubana deve difendere e diffondere i suoi principi anche sulle reti sociali

 

Cosa succedeva nel mondo prima della comparsa del COVID-19? Le proteste sociali erano in corso a diverse latitudini: Beirut, Hong Kong, Catalogna, Porto Rico, Cile, Colombia, Costa Rica. Le richieste di tutti loro erano adattate all’anticonformismo di ciascuna geografia, tuttavia, avevano il comune denominatore di svolgersi in società democratiche e sviluppate, attraverso reti sociali.

Continue reading “Ignacio Ramonet: “La verità è sempre più emotiva e non reale”.” »

Share Button

Cubainformacion: rap e libertà

Rap e libertà: Marocco, Cuba e Spagna

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

Il cantante cubano Yulien Oviedo ha dichiarato che “Cuba non è una dittatura” (1) e gli hanno annullato i suoi concerti a Miami* (2). A Haila María Mompié (3) e Paulito FG (4), artisti di salsa, hanno sospeso le loro esibizioni negli USA perché “portavoce del regime castrista”. Anche a Gente de Zona (5) e Descemer Bueno (6) hanno avuto il veto, ma hanno reagito in tempo: hanno fatto sonore dichiarazioni contro il governo cubano (7) (8) e hanno partecipato a un pamphlet musicale chiamato “Patria y Vida” (9). Così hanno salvato le loro carriere. E già hanno foto persino con il sindaco di Miami (10). Avevate letto qualcosa di ciò nei media che ci parlano della “censura degli artisti” a Cuba (11)?

Continue reading “Cubainformacion: rap e libertà” »

Share Button

Le parole campanella e un dovere dei rivoluzionari ai tempi di Internet

Iroel Sánchez https://lapupilainsomne.wordpress.com

Nelle lezioni di Biologia, non ricordo bene se nella Secondaria di Base o nel Pre-universitario, insegnavano i riflessi condizionati sulla base del lavoro dello scienziato russo e  Premio Nobel per la Medicina Ivan Pavlov. Penso che il suo esperimento sia abbastanza noto: faceva suonare un metronomo prima di alimentare un cane e osservava che al sentire lo stesso suono, quando il cane non si era nutrito da un pò, questi iniziava a salivare. In seguito è rimasta nella leggenda che Pavlov usasse una campanella e non un metronomo, ma il principio è lo stesso: l’associazione indotta tra certi stimoli e le risposte emesse. Sulla base di ciò, si è applicata la psicologia comportamentale nell’educazione, nella pubblicità e in molte altre aree negli USA.

Continue reading “Le parole campanella e un dovere dei rivoluzionari ai tempi di Internet” »

Share Button

Imparare, imparare e imparare sulle reti sociali di Internet

Iroel Sánchez  www.cubadebate.cu

Il primo capitolo della prima stagione della distopica serie britannica Black Mirror, trasmessa dalla televisione cubana più di un anno fa in un orario prossimo all’alba, racconta come il primo ministro del Regno Unito sia costretto dalle pressioni sulle reti sociali di Internet a fare sesso con un maiale, in cambio della libertà della principessa del Galles che è stata rapita.

Continue reading “Imparare, imparare e imparare sulle reti sociali di Internet” »

Share Button

Cuba e il settore privato: ignoranza o malafede?

Negli ultimi giorni, la stampa mainstream occidentale ha pubblicato una serie di articoli fuorvianti sulla riforma del settore privato che verrà implementata a Cuba. Si tratta di mera ignoranza o della solita malafede?

Continue reading “Cuba e il settore privato: ignoranza o malafede?” »

Share Button

María Elvira Salazar e Frank Calzón, pedoni del veleno

La solidarietà è il contrario dell’odio. La giustizia e la verità non le porteranno quelli che chiedono più blocco e non smettono di fabbricare menzogne per giustificare il loro sogno di una Cuba insanguinata dalla violenza.

Continue reading “María Elvira Salazar e Frank Calzón, pedoni del veleno” »

Share Button

Media dipendenti dal cyber-affare contro Cuba

Sono catalogati come indipendenti o alternativi. Ma basta seguire il percorso del denaro che li incoraggia e li articola per sapere da chi dipendono e a quale linea editoriale rispondono.

Una rete di media cerca di legittimare a Cuba la visione egemonica USA di democrazia e libertà. Con la loro strategia annessionista, intossicano costantemente le reti sociali con informazioni distorte su quasi tutto ciò che accade sull’isola.

Continue reading “Media dipendenti dal cyber-affare contro Cuba” »

Share Button