Tag Archives: media

Violenza, repressione e processi sommari…a seconda di dove avvengano

Iroel Sanchez

“Da lunedì si giudica gli oltre 1100 detenuti per le rivolte…” (…)

«A una velocità di circa 10 detenuti all’ora, i giudici non bastano. Secondo uno degli avvocati, tra le 11.30 di lunedì e mezzogiorno di oggi, già erano sfilati per i tribunali un centinaio di giovani. L’afflusso è tale che diversi furgoni della polizia ripieni di imputati fanno la coda davanti ai tribunali, che non dispongono di spazio sufficiente nelle celle dell’edificio.»

Continue reading “Violenza, repressione e processi sommari…a seconda di dove avvengano” »

Share Button

Cubainformacion: comunicazione nuovo campo di battaglia

Cuba 2022: cosa accadrà nel nuovo campo di battaglia della comunicazione?

 

Nel 2021 i servizi di intelligence USA hanno preso di mira Cuba, approfittando di uno scenario favorevole: la carenza generalizzata, prodotto della scomparsa del turismo e delle 200 nuove sanzioni contro la sua economia.

Continue reading “Cubainformacion: comunicazione nuovo campo di battaglia” »

Share Button

Cubainformacion: castigare?

Non deve Cuba punire la propaganda che incoraggia il blocco?

 

Camila Acosta: “giornalista indipendente” perseguitata a Cuba. Saily González: “comunicatrice indipendente” cubana nelle reti sociali. Vediamo in cosa consiste la sua “indipendenza”.

La prima promuove la campagna di boicottaggio del turismo a Cuba. Come prima ha fatto contro i servizi medici internazionali, con i cui introiti Cuba acquista medicinali e forniture; adesso spara contro il turismo che, con grande difficoltà, si sta cercando di riaprire nell’isola.

Continue reading “Cubainformacion: castigare?” »

Share Button

Cubainformacion: caso Assange e media

Julian Assange, Cuba e la superpotenza vendicativa

 

È la lettera aperta di una madre al mondo. Christine Ann Assange parla del dolore nel vedere suo figlio Julian, giornalista, che “ha avuto il coraggio di pubblicare la verità sui crimini governativi di alto livello”.

Continue reading “Cubainformacion: caso Assange e media” »

Share Button

L’eccesso di entusiasmo è una difficoltà al momento di far fronte alle frustrazioni

Speriamo che l’impero ascolti i propri psicologi e a volte comprenda che qui lo aspettano solo nuove frustrazioni, se continua a fare affidamento su consiglieri come Juan González, Antony Blinken e gli odiatori di Miami.

Iroel Sánchez www.granma.cu

Continue reading “L’eccesso di entusiasmo è una difficoltà al momento di far fronte alle frustrazioni” »

Share Button

Cubainformacion: ipocrisia mediatica

L’ipocrisia a Cuba si scrive con EFE

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformacion

La “marcia dell’opposizione” che prometteva di mobilitare tanta agente a Cuba, per il 15 novembre, è stata un fallimento assoluto (1). Non ci sono state proteste. Né “militarizzazione” del paese, spiegazione menzognera di agenzie e media che avevano promosso la marcia (2), con grande clamore, per più di un mese (3).

Continue reading “Cubainformacion: ipocrisia mediatica” »

Share Button

Cuba: da luglio a novembre

Luis Toledo Sande

Nel mondo ha richiamato l’attenzione l’enorme differenza tra i fatti avvenuti a Cuba l’11 luglio e il 15 novembre scorso. Questa differenza non è stata opera del caso, né da ciò che i media (dis)informativi cercano di vendere come “brutale repressione da parte di una feroce dittatura”.

Continue reading “Cuba: da luglio a novembre” »

Share Button

15N: Quali sono le nostre matrici di opinioni?

 Pedro Santander Molina www.cubadebate.cu

Chi a Cuba, Venezuela, Bolivia o Nicaragua non ha sentito parlare di “matrici di opinione”? Quelle che si montano attraverso i media e le reti sociali nei laboratori del nemico e attaccano i processi sociali trasformatori. Non è forse abbastanza comune nell’analisi della piazza, nelle colonne di opinione, nelle denunce pubbliche e nelle discussioni politiche commentare e denunciare “matrici di opinione” che si montano contro i governi e i popoli di questi paesi? Certamente è così.

Continue reading “15N: Quali sono le nostre matrici di opinioni?” »

Share Button

Cubainformacion: 15N la non marcia

Il palloncino della non marcia a Cuba

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

Sono centinaia le notizie, da settimane, sui principali media di tutto il mondo, sulla “grande mobilitazione dell’opposizione” del 15 N -così si annunciava – a Cuba (1).

Ma lunedì 15 novembre, a Cuba, non è successo nulla (2). Non ci sono state proteste contro il governo. È vero che la marcia era illegale, perché era – secondo le autorità cubane – sostenuta e diretta dal governo USA, che continua la sua guerra economica contro l’isola. Ma se la contestazione popolare è così grande come ci dicono, come mai non ci sono stati tentativi di protesta?

Continue reading “Cubainformacion: 15N la non marcia” »

Share Button

Cuba il paese di cui si informa di proteste mai esistite

Da più di un mese prima, dagli USA annunciavano, per lunedì 15 novembre, proteste a Cuba per promuovere il “cambio politico” nell’isola. I media stranieri hanno informato con soddisfazione la giornata di mobilitazioni per finire riconoscendo che, senza bisogno di alcuna violenza della polizia, non c’è stata neppure una sola manifestazione.

Continue reading “Cuba il paese di cui si informa di proteste mai esistite” »

Share Button

In che modo gli USA finanziano le azioni psicologiche contro Cuba?

www.granma.cu

El Estornudo, Periodismo de Barrio e Cuba Posible sono alcuni dei siti di “giornalisti indipendenti” che sono apparsi incitando le azioni dell’11 e 12 luglio a Cuba; così lo denuncia, recentemente, un’informativa del Club Argentino di Giornalisti Amici di Cuba.

Continue reading “In che modo gli USA finanziano le azioni psicologiche contro Cuba?” »

Share Button

Girasoli al sole e i mass media al dollaro

Proprio come un girasole cerca il sole per germogliare, ci sono media che germogliano alla ricerca del dollaro che gli piace tanto. Possiamo dire che attraverso il dollaro raggiungono la fotosintesi delle notizie, ma cosa succede quando ogni parola che scrivi è sottoposta a un tale processo? Evidentemente, il dollaro si trasforma in parole, e le parole di un giornalista sono sostituite dalle parole dei proprietari della moneta.

Continue reading “Girasoli al sole e i mass media al dollaro” »

Share Button

Cubainformacion: le differenze

La differenza tra protestare da un ospedale a Cuba o negli USA

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación

Cuba è, oggigiorno, il paese al mondo con il più alto tasso di vaccinazione contro il Covid-19 (1). Anche l’unico che utilizza propri vaccini, creati dal suo settore pubblico (2). E il primo a immunizzare massicciamente bimbi/e (3). Sono pietre miliari che dimostrano che la campagna nella reti “SOS Cuba”, lanciata due mesi fa per una presunta crisi sanitaria nell’isola, non è stata un’iniziativa umanitaria, bensì una grande operazione di destabilizzazione politica basata su fake news (4).

Continue reading “Cubainformacion: le differenze” »

Share Button

Media USA e le presunte proteste razziali

Per cercare di vendere le recenti proteste avvenute a Cuba il 11 luglio scorso come un movimento progressista i media statunitensi hanno accostato le manifestazioni cubane a quanto avvenuto negli Stati Uniti dopo l’omicidio di George Floyd da parte di un poliziotto. Hanno tentato di assimilare il movimento cubano al movimento Black Lives Matter insinuando che in Cuba esista una questione razziale.

Continue reading “Media USA e le presunte proteste razziali” »

Share Button

Lula Da Silva ha denunciato l’attacco della stampa contro la sua immagine

L’ex presidente brasiliano, Luiz Inácio Lula da Silva, ha denunciato che una parte della stampa nel suo paese insiste in utilizzare il tema della corruzione  per attacare la sua immagine e quella del Partito dei Lavoratori, riporta l’agenzia Prensa Latina.

Continue reading “Lula Da Silva ha denunciato l’attacco della stampa contro la sua immagine” »

Share Button