Tag Archives: elezioni

Cile: sondaggi e notizie fake

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Quattro giorni dopo le elezioni presidenziali, che si sono concluse con la vittoria schiacciante del candidato delle sinistre Boric con quasi 12 punti di differenza, è necessario evidenziare la grande menzogna installata dalle società di sondaggi unite in coro con i grandi media sia cileni che internazionali.

Continue reading “Cile: sondaggi e notizie fake” »

Share Button

Saluti al nuovo presidente del Cile

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Dopo la vittoria del candidato delle sinistre Gabriel Boric alle elezioni presidenziali, non hanno tardato ad arrivare i calorosi messaggi di felicitazioni di tutti i leader politici di sinistra del continente.

“Voglio congratularmi con Gabriel Boric per essere stato eletto presidente dell’amato popolo cileno. Dobbiamo assumerci l’impegno di rafforzare i legami di fratellanza che uniscono i nostri paesi e di lavorare insieme alla regione per porre fine alle disuguaglianze in America Latina”, ha pubblicato il presidente della confinante Argentina Alberto Fernández.
Share Button

Cile vince il candidato di sinistra

 

E’ l’ora del Cile, in una domenica storica. La campagna è stata fortemente polarizzata con l’ex leader della protesta studentesca Gabriel Boric che sfida l’ultraconservatore José Antonio Kast, nostalgico del generale Pinochet.

Una vittoria con il 56% dei voti con una affluenza storica per il Cile, che ha visto le classi popolari respingere fermamente il candidato di estrema destra sostenuto dall’imperialismo USA e che continua a far soffiare forte il vento del cambiamento lungo tutto continente Centro e Sud Americano.

Share Button

Chile: elecciones presidenciales más polarizadas y determinantes en 50 años

Share Button

Honduras, il cambio è adesso

Fabrizio Casari www.altrenotizie.org

Come ogni sondaggio aveva previsto, Xiomara Castro, candidata della sinistra, è la nuova Presidente dell’Honduras. Dodici anni dopo il colpo di stato voluto da Hillary Clinton che estromise dal governo il legittimo Presidente Mel Zelaya, oggi alla guida del Partito Progressista Libero, Xiomara – che di Mel è moglie – ha riposto le cose nel loro ordine naturale, che vede il consenso popolare al governo e il golpismo all’opposizione. I tentativi disperati di impedire la vittoria di Xiomara ad opera del governo statunitense e dell’Unione Europea, per mano della OEA, sono risultati inefficaci.

Continue reading “Honduras, il cambio è adesso” »

Share Button

I lacchè di Washington e le elezioni in Venezuela

Verbena Córdula, Orinoco Tribune 27 novembre 2021

Nonostante osservatori internazionali indipendenti abbiano confermato e rivelato che le elezioni svoltesi in Venezuela sono state esemplari, la dirigenza insiste nel stigmatizzare il paese bolivariano con articoli che cercano di gettare sospetti sul processo elettorale nel paese. È davvero deplorevole come certi gruppi pensino di possedere il mondo e vogliano imporre la loro visione del mondo, anche se danneggiano milioni di persone, come nel caso della popolazione venezuelana, che per anni è stata sacrificata all’arroganza di chi non sopporta lotta, coraggio e confronto di un governo e di un popolo che non accettano la sottomissione.

Continue reading “I lacchè di Washington e le elezioni in Venezuela” »

Share Button

Elezioni Honduras

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana

Honduras, dati ufficiali diffusi dal CNE pochi minuti fa: con il 51% dei seggi scrutinati la candidata “socialista” Xiomara Castro ha il 53,61% (958.000 voti), il secondo classificato, il rappresentante della destra filo USA andata al potere nel 2009 con un colpo di stato “blando”, Juan Asfura, ha il 33,86%, (605.000), il terzo candidato, il liberale Benjamin Rosenthal il 9,21% (164.700).

Continue reading “Elezioni Honduras” »

Share Button

Honduras alle urne, un’altra truffa in agguato

Domenica 28, circa 5,2 milioni di honduregni sono chiamati alle urne per eleggere il presidente (per il periodo 2022-2026), tre vicepresidenti, 128 deputati del Congresso nazionale, 20 del Parlamento centroamericano, e i sindaci di 298 città. La partita sembra giocarsi tra Nasry Asfura e Xiomara Castro. Asfura è il candidato della destra nonché attuale sindaco della capitale, che corre per il Partido Nacional, il partito al potere dal golpe contro Zelaya del 2009. Xiomara Castro, dirigente del Partido Libre, compagna di Zelaya, rappresenta la sinistra di alternativa.  Appare nettamente favorita nei sondaggi, ma difficilmente l’oligarchia sostenuta dal grande capitale internazionale lascerà libero corso alla volontà popolare, com’è già accaduto nelle precedenti occasioni.

Continue reading “Honduras alle urne, un’altra truffa in agguato” »

Share Button

Venezuela: ossevatori ONU/UE smentiscono gli USA

Rete Solidarietà Rivoluzione Bolivariana  · 

Le dichiarazioni del capo missione degli osservatori della Unione Europea, il comunicato degli esperti elettorali dell’ONU, quello del Consiglio degli Esperti Elettorali dell’America Latina (CEELA) e degli osservatori statunitensi del Centro Carter, hanno smentito ieri, in differenti momenti, la dichiarazione del segretario di stato statunitense Blinken, che lunedì, senza aver inviato alcun osservatore, aveva detto che il trionfo chavista in 20 dei 23 stati regionali “era irregolare”.

Continue reading “Venezuela: ossevatori ONU/UE smentiscono gli USA” »

Share Button

Honduras, il cambio è nell’aria

Giorgio Trucchi  www.altrenotizie.org

Managua. Il 28 novembre oltre 5 milioni di honduregni saranno chiamati a eleggere il Presidente della Repubblica, 128 deputati al Congresso nazionale, 20 al Parlamento centroamericano, 298 sindaci e oltre 2000 consiglieri comunali. Man mano che si avvicina la data elettorale, si polarizza l’ambiente politico, si acutizza il conflitto e cresce la tensione sociale.

Continue reading “Honduras, il cambio è nell’aria” »

Share Button

Venezuela: ¿Retorna la normalidad?

Share Button

Venezuela: grande sconfitta per Washington

 Angelo Guerra Cabrera  www.jornada.com.mx

Il chavismo ha ottenuto una schiacciante vittoria alle mega elezioni regionali e comunali del 21 novembre. C’erano in disputa 3mila 82 posti di elezione popolare, tra cui 23 governatorati, 335 sindaci, 253 deputati a consigli legislativi statali e 2471 consiglieri comunali, per i quali si sono presentati 70mila candidati. Consegna grande legittimità alla convocazione elettorale la partecipazione alle urne della stragrande maggioranza dell’opposizione, compresa quella che, fino a pochi mesi fa, era rimasta legata alla destabilizzazione e al golpismo ordinati dall’impero e che aveva giurato di non partecipare alle elezioni con il chavismo al potere.

Continue reading “Venezuela: grande sconfitta per Washington” »

Share Button

Venezuela: super KO democratico

Caracas, Venezuela – Da quando la rivoluzione bolivariana ha preso il potere nelle urne più di due decenni fa, per i «giocatori» antichavez è divenuto cronico il «daltonismo» neoliberale.

Li ha colpiti tanto che vedono la poltica come una palla e sottovalutano le basi ; invece di toccarle le rubano, le eludono alla Citgo, monomeri, oro e conti bancari depositati all’estero.

Continue reading “Venezuela: super KO democratico” »

Share Button

Il popolo è l’arma segreta del chavismo

Pino Arlacchi www.lantidiplomatico.it

Nei giorni scorsi sono stato in Venezuela in occasione delle elezioni regionali su invito del Consiglio Nazionale Elettorale assieme ad altri 300 osservatori nazionali. Su Il Fatto Quotidiano di oggi trovate questa analisi in cui racconto la mia esperienza.

Venezuela, sono i poveri l’arma segreta del chavismo

Continue reading “Il popolo è l’arma segreta del chavismo” »

Share Button

Cinque motivi per cui la sinistra ha vinto in Venezuela

Leonardo Flores, Orinoco Tribune 22 novembre 2021

Queste elezioni dovrebbero informare l’amministrazione Biden che continuare a sostenere il MUD, e in particolare, la finzione Guaidó “presidente ad interim”, è fallito. Per la prima volta in quattro anni, tutti i principali partiti di opposizione in Venezuela partecipavano alle elezioni. Per la quinta volta in quattro anni, la sinistra ha vinto in maniera schiacciante.

Continue reading “Cinque motivi per cui la sinistra ha vinto in Venezuela” »

Share Button