Tag Archives: luis arce

La Bolivia cambia volto nelle prime settimane della presidenza Arce

Giulio Chinappi – World Politics Blog

Nelle sue prime settimane, Luis Arce si è impegnato a ricostruire l’economia boliviana, a riprendere le relazioni diplomatiche con il Venezuela e con gli altri Paesi progressisti del continente e a perseguire i crimini commessi dal governo golpista nei suoi undici mesi al potere.

Continue reading “La Bolivia cambia volto nelle prime settimane della presidenza Arce” »

Share Button

Segnali di pace a La Paz

di Geraldina Colotti

Le dichiarazioni, si sa, possono restare sulla carta se non si determinano atti che ne sostanzino i contenuti. Tuttavia, ci sono momenti nei quali anche i pronunciamenti acquistano un significato particolare, dovuto a specifiche circostanze. In questo caso, la circostanza è di tutto rilievo, trattandosi dell’assunzione di incarico del neo-eletto presidente boliviano Luis Arce e del suo vice David Coquehuanca. Entrambi hanno giurato a pugno chiuso insieme al resto del nuovo governo, intenzionato ad archiviare la pagina nera del golpe, durata un anno. E sono tornati in patria anche l’ex presidente Evo Morales e il suo vice Alvaro Garcia Linera, obbligati ad andarsene con la forza dall’esercito passato dalla parte dei golpisti.

Continue reading “Segnali di pace a La Paz” »

Share Button

Dimensione politica delle spiritualità indigene

Itzamná Ollantay – nostramerica.wordpress.com

Le comunità aymara e quechua, il 6 novembre (alla vigilia del giuramento ufficiale del nuovo governo), hanno organizzato e celebrato, nonostante le limitazioni in tempo di pandemia, una cerimonia di purificazione e di legittimazione spirituale per il presidente eletto di Bolivia, Luis Arce e per il vicepresidente David Choquehuanca, nell’apoteosico luogo sacro di Tiwanaku. Il meticcio Arce e l’aymara Choquehuanca sono stati simbolicamente investiti del ruolo di governanti a Tiwanaku.

Continue reading “Dimensione politica delle spiritualità indigene” »

Share Button

Torna la democrazia in Bolivia: Luis Arce si insedia come presidente

Torna la democrazia in Bolivia. Luis Arce si è insediato come presidente in una cerimonia dove spiccavano le assenze delle autorità usurpatrici che hanno governato per quasi un anno la Bolivia.

l nuovo presidente boliviano ha definito questa giornata come l’inizio del sollievo per un Paese segnato dalla “guerra interna contro il popolo più umile”.

Continue reading “Torna la democrazia in Bolivia: Luis Arce si insedia come presidente” »

Share Button

Cubainformacion: la pazienza di Evo Morales

Un anno fa, un colpo di stato ha portato all’esilio il presidente boliviano Evo Morales.

L’opposizione e media lo hanno accusato di aver commesso una frode elettorale. Una assoluta falsità, dimostrata dalla vittoria ancora più ampia del suo partito, ripetute, ora, le elezioni.

Continue reading “Cubainformacion: la pazienza di Evo Morales” »

Share Button

Bolivia: per il popolo ciò che è del popolo!

di Danilo Della Valle – Blog di Beppe Grillo

Il popolo boliviano sconfigge multinazionali e golpisti in un sol colpo. Luis Arce, candidato con il partito MAS (Movimiento Al Socialismo), con il 52% dei voti stacca di 20 punti il rivale Mesa del “cartello delle destre” Comunidad Ciudadana, e diventa il nuovo Presidente della Bolivia, ribaltando in poco meno di un anno il golpe messo in atto da militari e reazionari ai danni dell’ex Presidente Evo Morales.

Continue reading “Bolivia: per il popolo ciò che è del popolo!” »

Share Button

Il Governo di Luis Arce prevede riannodare le relazioni con Cuba, Venezuela e Iran

La schiacciante vittoria del candidato del Movimento Al Socialismo (MAS), Luis Arce, che ha superato di più di 20 punti il più vicino rivale.

Il virtuale presidente eletto della Bolivia, Luis Arce, pianifica nell’ambito della politica estera del suo futuro Governo di riannodare le relazioni diplomatiche con Cuba, Venezuela e Iran, ha informato Telesur.

Continue reading “Il Governo di Luis Arce prevede riannodare le relazioni con Cuba, Venezuela e Iran” »

Share Button

La rifondazione boliviana ricomincia

M. M. Quintero, Orinoco Tribune, http://aurorasito.altervista.org

La schiacciante maggioranza assoluta ottenuta dai candidati del MAS parla forte e chiaro inibendo la possibilità di un altro colpo di Stato. Anche il Movimento al Socialismo (MAS) dominava le votazioni per Camera e Senato La Bolivia si è data il voto necessario per sconfiggere il colpo di Stato e non lasciare vuoti che renderebbero possibile un’altra manipolazione: il 52,4% dei voti assegnati a Luis Arce, rispetto al 31,5% attribuito a Carlos Mesa, costituiscono una forte maggioranza assoluta in favore del MAS che demolisce tutti i sondaggi, secondo cui il Movimento al Socialismo vinceva “a stretto giro” con poco più del dieci per cento dei voti, oppure si andava definitivamente al secondo turno.

Continue reading “La rifondazione boliviana ricomincia” »

Share Button

Bolivia: botto elettorale

Angel Guerra Cabrera www.jornada.com.mx

La netta vittoria elettorale di Luis Arce, candidato presidenziale del Movimento al Socialismo (MAS), conferma il sostegno del popolo boliviano alla Rivoluzione Democratica e Culturale ed alle sue conquiste di 14 anni.

Continue reading “Bolivia: botto elettorale” »

Share Button

Il difficile cammino per recuperare Bolivia

Il Movimento al Socialismo ed il suo candidato, Luis Arce, hanno ottenuto il risultato di cui avevano bisogno per sfuggire alla tempesta che minacciava il loro trionfo. I sondaggi hanno sempre riflesso il loro netto vantaggio sul resto degli avversari, ma la possibilità di un secondo turno o di una vittoria finale di pochi punti sarebbero stati sufficienti per l’estrema destra per attuare i suoi piani, che includevano, dalla frode elettorale allo scoppio della violenza. Circa 21 punti percentuali di vittoria hanno ostacolato l’ordine del giorno. Al di là della gioia della sinistra boliviana, rimarrà nella storia anche il twitter di Jeanine Añez, che accetta la pillola amara o le lacrime di Camacho; entrambe, i volti del golpe di stato.

Continue reading “Il difficile cammino per recuperare Bolivia” »

Share Button

“Restituiremo dignità e libertà al popolo boliviano”, dice Evo Morales

L’ex presidente Evo Morales ha sottolineato questo lunedì che, con il trionfo di Luis Arce alle elezioni presidenziali in Bolivia, tenutesi questa domenica, restituiranno “dignità e libertà al popolo boliviano”.

“Siamo tornati a milioni”, ha sottolineato il presidente durante una conferenza stampa da Buenos Aires, dove si trova dal dicembre dello scorso anno, dopo il golpe di stato contro di lui

Continue reading ““Restituiremo dignità e libertà al popolo boliviano”, dice Evo Morales” »

Share Button

Bolivia, torna la democrazia

Fabrizio Casari  www.altrenotizie.org

Luis Arce, ex ministro delle Finanze del governo di Evo Morales e candidato del MAS – Movimento al Socialismo – è il nuovo Presidente dello Stato plurinazionale di Bolivia. Con una vittoria contundente, che porta il suo schieramento alla maggioranza assoluta, Luis Arce riconsegna alla Bolivia ciò che venne scippato nell’Ottobre 2019 a Evo Morales, ovvero la democrazia. La distanza tra il MAS e la destra è tale che a leggerla si rischiano le vertigini.

Continue reading “Bolivia, torna la democrazia” »

Share Button

Elezioni in Bolivia: i sondaggi e la resistenza del MAS

di Lorenzo Poli  www.ilperiodista.it

La seconda tappa in vista delle presidenziali (qui la prima) ci porta a scoprire il candidato socialista, dato come favorito da tutti i sondaggi: Luis Arce, ex ministro dell’Economia nei governi Morales e artefice della ‘Evonomics’, grazie alla quale la Bolivia ha vissuto una grande crescita negli ultimi anni. Soprattutto a favore dei meno abbienti

Continue reading “Elezioni in Bolivia: i sondaggi e la resistenza del MAS” »

Share Button

Bolivia. Il governo de facto vuole arrestare Evo ed eliminare il M.A.S

Lunedì 6 giugno la magistratura boliviana ha condannato e chiesto la detenzione dell’ex presidente Evo Morales per “Terrorismo e sedizione”. È stata nuovamente attivata, in questo modo, la causa fondata su un audio attribuito all’ex presidente che, a quanto pare, dal Messico dove si trovava rifugiato, ha istruito il dirigente cocalero Faustino Yutra su come bloccare le strade e impedire l’ingresso di alimenti a diverse città, nel contesto dei conflitti scatenati nel novembre del 2019, il cui esito è stato un colpo di stato.

Continue reading “Bolivia. Il governo de facto vuole arrestare Evo ed eliminare il M.A.S” »

Share Button

Prosegue il golpe in Bolivia

Impedita persino la candidatura a senatore a Evo Morales

Avviene tutto nel silenzio complice dell’Unione Europea

Prosegue il golpe in Bolivia. Dopo che il presidente riconfermato Evo Morales è stato deposto da un colpo di stato militare e oggi è costretto in esilio politico in Argentina, nella giornata di ieri il Tribunale Supremo Elettorale, ora controllato dalla giunta al potere, ha impedito la candidatura a senatore dello stesso Morales e dell’ex vice-presidente Diego Pary.

Continue reading “Prosegue il golpe in Bolivia” »

Share Button