Insediati i membri della Commissione Elettorale Nazionale

Dopo la convocazione alle elezioni generali e la designazione del Consiglio di Stato della Commissione Elettorale Nazionale, i 17 membri incaricati  hanno preso possesso degli incarichi,  giovedì 14, durante una cerimonia solenne realizzata nel Palazzo della Rivoluzione Alina Balseiro Gutiérrez, la presidente, leggendo il giuramento dei membri di questa Commissione ha reiterato l’impegno di giurare lealtà alla Patria, osservare e far osservare nell’esercizio delle sue funzioni la Costituzione, la Legge Elettorale e altre norme che dirigono il processo elettorale.


Inoltre ha sottolineato la responsabilità di compiere a tempo, con professionalità, disciplina ed esigenza, le attività inerenti agli incarichi che si svolgono, lavoro che si dovrà  caratterizzare per imparzialità, trasparenza e verità dell’informazione offerta.

Ana María Mari Machado, vicepresidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare (ANPP)  ha posto enfasi nella trascendenza e nel simbolismo del lavoro che realizzerà la Commissione responsabile di organizzare, dirigere e rendere valido il processo elettorale che si realizza, con il fine di coprire gli incarichi rispettivi nelle Assemblee Municipali, Provinciali e Nazionali del Potere Popolare e nel Consiglio di Stato.

«Queste saranno le prime elezioni nelle quali non c’è fisicamente Fidel, ma tanto lui come Martì, ci guideranno con i loro principi e l’etica rivoluzionaria, perché corrisponde a questa Commissione vegliare per l’etica, la legalità, la trasparenza e l’imparzialità in ogni tappa del processo elettorale», ha sostenuto.

Inoltre si è riferita al lavoro svolto dalle commissioni temporanee in tutte le province e i municipi del paese, per creare le basi organizzative e di assicurazione e preparazione, che garantiscano lo sviluppo positivo delle elezioni.

«Il popolo cubano, ha assicurato  Mari Machado,  ha la convinzione di contare su un sistema politico ed elettorale proprio, aggiustati alla nostra storia, tradizioni e realtà socio culturali, che hanno i loro precedenti nella lotta per l’indipendenza. Questa traiettoria è avallata anche da 40 anni d’istituzionalità democratica, con una partecipazione di massa alle urne, senza voto obbligatorio, né politicherie, nè demagogia».

«Daremo inizio, ha detto, al 17º mandato delle assemblee municipali, al 13º delle assemblee provinciali e alla 9ª legislatura della ANPP, con piena fiducia nei rappresentanti che il popolo eleggerà, che con la loro responsabilità, preparazione, umanesimo e laboriosità continueranno a lavorare al perfezionamento  del Potere Popolare».

«Che questo processo serva, ha esortato come dimostrazione genuina di democrazia, di partecipazione cosciente, di unità, di fiducia nella vittoria, di supporto alla Rivoluzione, a Fidel e a Raúl».

Erano presenti alla cerimonia i membri del Burò Politico Teresa Amarelle Boué, segretaria generale della Federazione delle Donne cubane e Miriam Nicado García, rettrice della Università di Scienze Informatiche, con Homero Acosta Álvarez, segretario del Consiglio di Stato.

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *