Tag Archives: Granma

La prima edizione del Granma – 4 ottobre 1965

È così nacque il giornale Granma, dalla fusione dei giornali Hoy (organo del Partito socialista popolare) e Revolución (del Movimiento 26 de Julio), per diventare l’organo ufficiale del Comitato centrale del Partito Comunista Cubano. Il suo primo numero vide la luce il 4 ottobre 1965

Nel suo discorso del 3 ottobre 1965, tenutosi al teatro Chaplin, oggi Karl Marx, Fidel ha raccontato la nascita del giornale Granma. Ha annunciato che, invece di due giornali, si sarebbero concentrati risorse umane, macchinari e carta per fare un nuovo e unico giornale politico mattutino che avrebbe portato il nome di Granma, “simbolo della nostra concezione rivoluzionaria e del nostro cammino”.

Continue reading “La prima edizione del Granma – 4 ottobre 1965” »

Share Button

La guerra mediatica è pianificata

Yailin Orta  https://lapupilainsomne.wordpress.com

Estratto dall’intervento di Yailin Orta, Direttrice del periodico Granma, nel programma televisivo Mesa Redonda di giovedì 1 ottobre 2020.

Come sfida essenziale, io mi concentrerei su ciò che significa la lotta ideologica contemporanea, che è molto acuta, molto complessa, perché Internet è un campo minato, ma è anche un’opportunità per Cuba di mostrare la sua verità, esporla, moltiplicarla. Ma in quello scenario si cancellano le frontiere. Siamo di fronte ad una Task Force, progettata negli USA. Le demonizzazioni contro Granma non sono spontanee, dietro di esse c’è tutta una campagna mediatica, che sostiene: ¨Attacchiamo Granma¨, perché stanno attaccando la simbologia, l’anima anche di ciò che significa il Partito Comunista di Cuba, ed è un modo di delegittimare, di screditare la forza del Partito e, prendendo di mira il Partito nel loro attacco, mirano anche all’unità nazionale.

Continue reading “La guerra mediatica è pianificata” »

Share Button

UPEC (su censura Google)

Non è la prima volta che le società transnazionali di telecomunicazioni esercitano, in modo implacabile, la censura contro il nostro paese, in un momento di alto ascolto

Ieri Google ha bloccato gli account di Granma, Mesa Redonda e Cubavisión Internacional, ciò che ha privato questi media dell’accesso a tutti i servizi ed applicazioni di quella società, compreso YouTube. Il blackout si produce poche ore prima che si trasmettesse un panel con gli scienziati che hanno prodotto il candidato, come vaccino, cubano contro il Covid, una notizia di prim’ordine che ha suscitato enorme interesse a Cuba e nel mondo.

Continue reading “UPEC (su censura Google)” »

Share Button

Sulle onde con la prua alla speranza

Con lo sbarco, dopo la rotta epica del Granma, i ribelli della spedizione furono i primi combattenti dell’ultima tappa delle gesta libertarie, e la data il giorno della creazione delle Forze Armate Rivoluzionarie

Continue reading “Sulle onde con la prua alla speranza” »

Share Button

Il senso del 26

È una qualità, un senso che condiziona l’atteggiamento. Per molti anni conoscere con prudente precedenza quale sarà la provincia sede della Manifestazione Centrale Nazionale per il 26 di Luglio

Continue reading “Il senso del 26” »

Share Button

Terminata la visita del Consiglio dei Ministri a Granma

Di fronte alle spiegazioni del presidente dell’Istituto Nazionale delle Risorse Idrauliche, Antonio Rodríguez, e della vicepresidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Inés María Chapman, sulle azioni di rivitalizzazione del sistema delle pompe, dei cambi dei tubi e dei connettori, la riparazione delle perdite e altre azioni a Manzanillo, il mandatario ha valutato l’importanza di apprendere dalle lezioni del tremendo costo per  la nazione degli investimenti male eseguiti e della mancanza di controllo.

Continue reading “Terminata la visita del Consiglio dei Ministri a Granma” »

Share Button

Il Comitato Centrale, più di mezzo secolo di storia

La prima pagina di Granma, quel 4 ottobre del 1965, il giorno dopo l’annuncio di Fidel della nascita del Partito Comunista di Cuba,  decora orgogliosamente le pareti della redazione nazionale di questo quotidiano.

Continue reading “Il Comitato Centrale, più di mezzo secolo di storia” »

Share Button

È impossibile dimostrare ciò che non è successo e gli USA lo sanno

Bertha Mojena Milián http://www.granma.cu

L’agenda mediatica per mantenere l’opinione pubblica attenta ai polemici e controversi argomenti che si intrecciano, più e più volte, sui presunti “incidenti” contro diplomatici USA all’Avana, sembra svolgersi, completamente, ogni volta che si riprende il filo di questa menzogna.

Continue reading “È impossibile dimostrare ciò che non è successo e gli USA lo sanno” »

Share Button

Il secolo di Madiba

A cento anni dalla nascita il quotidiano cubano Granma ricorda Nelson Mandela

Era l’immagine viva dell’ottimismo, della volontà di carattere. Il prolungato martirio a cui era stato ingiustamente sottoposto per più di cinquant’anni non scalfì il suo volto. Più esile e ingrigito rispetto alle foto che per anni sono circolate in tutto il mondo per chiedere la sua liberazione, ma con il sorriso come specchio della sicurezza nella vittoria, lo abbiamo visto quel 26 luglio 1991 a Matanzas, condividendo la celebrazione ‘moncadista’ con milioni di cubani.

Continue reading “Il secolo di Madiba” »

Share Button

Principali aspetti del Progetto Preliminare di nuova Costituzione

http://www.cubadebate.cu

L’esperienza acquisita in questi anni di Rivoluzione e le nuove rotte tracciate a partire dall’attuazione dei Lineamenti della Politica Economica e Sociale approvate nel VI Congresso del Partito, gli obiettivi emanati dalla sua I Conferenza Nazionale, nonché le decisioni prese adottato nel VII Congresso dell’organizzazione del partito costituiscono, tra altri aspetti importanti, elementi che hanno favorito e reso necessario realizzare una riforma dell’attuale Costituzione della Repubblica.

Continue reading “Principali aspetti del Progetto Preliminare di nuova Costituzione” »

Share Button

Il giorno della Patria

Il Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha osservato alcuni istanti di solenne silenzio e rispetto all’inizio della visita di Governo nella provincia Granma, davanti ai venerabili episodi che hanno marcato la nascita della nazione cubana, nel Museo Parco Nazionale La Demajagua, dove il 10 ottobre del 1868 Carlos Manuel de Céspedes  iniziò le lotte per l’indipendenza.

Continue reading “Il giorno della Patria” »

Share Button

Conversione tecnologica della poligrafia nazionale

Con il proposito d’ottenere in un tempo ridotto l’esecuzione e la distribuzione dei giornali in quadricromia (a colori), dal 3 maggio scorso si realizza nell’unità delle imprese di base (UEB) Grafica Villa Clara, un processo di conversione tecnologica.

Continue reading “Conversione tecnologica della poligrafia nazionale” »

Share Button

Una guerra che fu un salto verso il futuro

«La nostra Rivoluzione con il suo stile, con le sue caratteristiche essenziali, ha radici molto profonde nella storia della nostra Patria (…) per questo  è necessario che lo  comprendano con chiarezza tutti i rivoluzionari, che la nostra Rivoluzione è una Rivoluzione e che questa Rivoluzione cominciò il 10 ottobre del 1868.

Continue reading “Una guerra che fu un salto verso il futuro” »

Share Button

La verità su PDVSA e la raffineria di Cienfuegos

Mision Verdad – https://lapupilainsomne.wordpress.com

Il 14 dicembre è stata diffusa all’opinione pubblica una informazione fornita dall’agenzia Reuters, in cui si afferma che, presumibilmente, PDVSA avrebbe ceduto la sua partecipazione azionaria, del 49%, della raffineria di Cienfuegos allo Stato cubano come forma di pagamento di debiti contratti dalla compagnia petrolifera statale con l’isola.

Continue reading “La verità su PDVSA e la raffineria di Cienfuegos” »

Share Button

Una lettera, un Partito, un giornale

Yaditza del Sol González

Dicono che Fidel parlò con la voce rotta, arrochita dall’emozione. Era il 3 ottobre del 1965, e un silenzio drammatico, di quelli che fanno rabbrividire scese nel teatro Chaplin, oggi Karl Marx. Dicono che alcuni dei presenti si alzarono dalle poltrone per la commozione, per l’imprevisto. Altri tacevano e ascoltarono parola per parola Fidel, che leggeva la lettera di commiato del Che.  «C’è un’assenza nel nostro Comitato Centrale, disse, di un compagno che ha tutti i meriti e tutte le virtù necessarie nel grado più alto per appartenervi,  ma non figura tra i suoi membri».

Continue reading “Una lettera, un Partito, un giornale” »

Share Button