Tag Archives: cia

Operazione Liborio: un altro attentato della CIA alla vita di Fidel Castro

Il 6 novembre 1961, il Ministero degli Interni di Cuba rivelò la neutralizzazione di un vasto piano d’azione dell’organizzazione Movimento Rivoluzionario del Popolo (MRP), mediante il quale la CIA pensava distruggere alcuni dei principali negozi dell’Avana e porre fine alla fine di Fidel

Delfín Xiqués Cutiño www.granma.cu

Continue reading “Operazione Liborio: un altro attentato della CIA alla vita di Fidel Castro” »

Share Button

Prendere le distanze da tutto ciò che è inumano

Silvio Rodríguez  www.cubadebate.cu

La strategia di Obama, per me, è sempre stata chiara: “non combatterli, avvicinati al tuo nemico e influenzalo”. Possiamo porgli gli epiteti che vogliamo, ma senza dubbio è stata la politica più pacifica, la meno cruenta di tutti i presidenti nordamericani che ci sono toccato dopo il 1959. D’altra parte, allo stesso modo in cui ricevere borse di studio e ospitare in case di persone di livello medio, negli USA, possa far pensare in modo differente un giovane che, fin da bambino, conosce solo la nostra realtà –di vantaggi sociali e carenze materiali–, visitare Cuba, per un giovane nordamericano, può significare un grande cambio di mentalità rispetto a ciò che sin da bambino ha sentito e letto di noi.

Continue reading “Prendere le distanze da tutto ciò che è inumano” »

Share Button

Vanno contro Cuba e vanno contro tutti in nostra America

Pedro Prada  www.cubadebate.cu/opinion

Ricordarli tutti e ciascuno, i pochi che sono sopravvissuti e quelli che non lo sono più, non solo è parte del dovere, solidarietà e gratitudine nei loro confronti e delle loro famiglie, bensì è anche parte della nostra futura felicità. Ed è, soprattutto, una responsabilità verso la memoria, la verità e la giustizia, soprattutto in momenti in cui le forze dell’odio e del terrore si sono lanciate, rinnovate, in Argentina e contro Cuba, per far deragliare il desiderio popolare di costruire il mondo migliore, di pace e giustizia che ci meritiamo.

Continue reading “Vanno contro Cuba e vanno contro tutti in nostra America” »

Share Button

Torture CIA sui prigionieri. “Imbarazzo per il governo USA”

www.lantidiplomatico.it

Secondo il The New York Times, sette ufficiali militari di alto rango hanno condannato il trattamento brutale che la CIA ha riservato a un detenuto e hanno definito l’accaduto come un “imbarazzo per il governo degli Stati Uniti”.

La denuncia di sette degli otto membri di una giuria militare, che si sono recati a Guantanamo Bay la scorsa settimana per ascoltare la testimonianza di uno dei suoi prigionieri, di nome Mayid Jan, e per emettere una sentenza, è arrivata dopo aver ascoltato le descrizioni dei grafici di tortura contro il detenuto.

Continue reading “Torture CIA sui prigionieri. “Imbarazzo per il governo USA”” »

Share Button

Hacker, sindrome dell’Avana e altre aggressioni russe che solo la CIA vede

Caitlin Johnstone, Orinoco Tribune 21 ottobre 2021

Secondo quanto riferito, la commissione per gli affari esteri della Camera starebbe contrassegnando la sua esilarante risposta agli attacchi da sindrome dell’Avana prevedendo sanzioni per chiunque il presidente ritenga responsabile di aver inflitto ai funzionari statunitensi sintomi da sbornia usando microonde ad alta tecnologia.

Continue reading “Hacker, sindrome dell’Avana e altre aggressioni russe che solo la CIA vede” »

Share Button

Quando lo schifo non ha limite

“…L’assegnazione della medaglia della libertà ad un assassino dimostra il livello di decadenza a cui la cultura politica della Florida è stata trascinata dal peso dei cubani controrivoluzionari della Florida meridionale.”

Il governatore repubblicano della Florida assegna la Medaglia della Libertà all’assassino di Che Guevara

Il 16 settembre 2021, il governatore della Florida Ron DeSantis ha conferito la Medaglia della Libertà del Governatore a Félix Rodríguez, il controrivoluzionario cubano anticomunista che vive in Florida.

Come agente a contratto per la CIA Rodríguez ha aiutato a localizzare e assassinare Che Guevara in Bolivia nel 1967. L’assassinio è un omicidio politico. La medaglia del governatore ha permesso a DeSantis di riconoscere Rodríguez come una “persona che ha dato un contributo particolarmente meritorio agli interessi e ai cittadini dello stato, (e) alla sua cultura”.

Continue reading “Quando lo schifo non ha limite” »

Share Button

Egemonia e cultura in tempi di controinsurrezione soft

Gilberto López y Rivas www.jornada.com.mx

L’ultimo libro di Néstor Kohan, ‘Egemonia e cultura in tempi di controinsurrezione soft’ (Ocean Sur, 2021), va letto con urgenza per comprendere appieno i processi attuali che il comandante Fidel Castro considerò come battaglia di idee, nei campi della cultura e delle scienze sociali.

Il libro è preceduto da brani di due stimati professori argentini, sequestrati e scomparsi dalla dittatura militare, Daniel Hopen e Haroldo Conti, che mostrano uno dei tratti distintivi del fascismo e del terrorismo di stato globale: il suo odio per l’intellighenzia rivoluzionaria.

Continue reading “Egemonia e cultura in tempi di controinsurrezione soft” »

Share Button

La CIA ripete la sua storia contro Cuba

Arthur González https://heraldocubano.wordpress.com

Nonostante tanti fallimenti subiti in 62 anni, la CIA e il governo USA insistono per rovesciare il socialismo a Cuba e per questo ripetono vecchi piani, come se i cubani fossero stupidi, smemorati e inesperti.

È vero che c’è una nuova generazione di dirigenti sull’isola, ma tutti sono cresciuti sotto l’educazione storica delle azioni yankee per distruggere la Rivoluzione, compresi i piani del terrorismo di stato, la sovversione politica e le operazioni segrete per assassinare Fidel Castro, qualcosa che sembra gli attuali funzionari della CIA non tengano conto ed è per questo che le loro azioni si falliscono.

Continue reading “La CIA ripete la sua storia contro Cuba” »

Share Button

La colpevolezza della CIA nel crimine dell’aereo cubano alle Barbados

Manuel Hevia Frasquieri www.cubadebate.cu

Non smetterò mai di scrivere di questo orrendo evento che ancora ci riempie di tristezza e indignazione, né di denunciare la CIA come una delle sue principali cause.

In mezzo al profondo silenzio di un milione di cubani riuniti nella storica Plaza de la Revolución all’Avana, il 15 ottobre 1976, il Comandante in Capo Fidel Castro faceva le onoranze funebri delle 73 vittime del crimine delle Barbados, il 6 ottobre di quell’anno. In quel giorno di lutto, Fidel fece conoscere al mondo il testo di un messaggio segreto della CIA indirizzato ad un suo mercenario a Cuba, tre giorni dopo l’attentato, in cui chiedeva: “Qual è la reazione ufficiale e privata sugli attentati con bombe contro uffici cubani all’estero? Cosa faranno per evitarli e prevenirli? Chi si sospetta essere il responsabile?”

Continue reading “La colpevolezza della CIA nel crimine dell’aereo cubano alle Barbados” »

Share Button

La CIA voleva uccidere Assange

di Massimo Mazzucco

Secondo una indagine appena conclusa da parte dei giornalisti di Yahoo News, nel 2017 la C.I.A. aveva progettato di rapire ed uccidere Julian Assange, che viveva da 5 anni rifugiato nell’ambasciata ecuadoriana di Londra.

Già da anni gli americani cercavano di riportarsi a casa Assange, per poterlo processare pubblicamente, e fargli pagare con una pena esemplare l’inaudito gesto di aver rivelato le atrocità commesse dai soldati americani in Iraq.

Continue reading “La CIA voleva uccidere Assange” »

Share Button

Un’altra facciata degli USA per il golpe morbido contro Cuba

Il membro dell’Ufficio Politico del Partito e Ministro degli Esteri di Cuba, Bruno Rodríguez Parrilla, ha denunciato che Creative Associates International è una facciata del Governo USA per progettare colpi di stato morbidi contro l’isola ed altri paesi

Lisset Chávez www.granma.cu

Continue reading “Un’altra facciata degli USA per il golpe morbido contro Cuba” »

Share Button

Come creare un leader dell’opposizione a Cuba

Capote: “Forse Raul non può, ma Daniel deve poterlo fare”.

 

In un paese possono succedere molte cose allo stesso tempo. Quel 14 maggio 2004, mentre Fidel parlava a una massa compatta e clamorosa di cubani nella Tribuna Anti-Imperialista, Capote partecipava a una riunione con agenti della CIA.

Era a casa di un funzionario statunitense dell’ex Sezione d’Interesse USA all’Avana (SINA). Gli hanno fatto molte domande. Hanno valutato le sue espressioni facciali, il contenuto delle sue risposte. Volevano sapere se era quello giusto.

Continue reading “Come creare un leader dell’opposizione a Cuba” »

Share Button

La “spontaneità” indotta

Se l’attacco mediatico che sta vivendo Cuba in questi giorni è senza precedenti per le sue dimensioni, a partire dal potenziale tecnologico degli avversari e la loro crescente concertazione di azioni da vari punti geografici, non è strano che accada, perché il paese è sempre stato nella trincea di una guerra psicologica

 

German Veloz  www.granma.cu Continue reading “La “spontaneità” indotta” »

Share Button

Cuba è il ground zero delle operazioni criminali USA per il cambio di regime.

La politica USA di cambio di regime non è solo distruttiva per il resto del mondo, ma viola anche i diritti fondamentali degli stessi cittadini statunitensi.

Non c’è dubbio che i disordini civili che hanno attanagliato Cuba questa settimana sono stati istigati dagli USA attraverso la tattica della “rivoluzione colorata” del cambio di regime.

Continue reading “Cuba è il ground zero delle operazioni criminali USA per il cambio di regime.” »

Share Button

Nicaragua: troppo vicino agli USA per non rischiare il golpe

La CIA tenta colpi di stato in Nicaragua con i dollari delle tasse attraverso agenzie statunitensi e fondazioni aziendali: USAID non fornisce aiuti, esegue colpi di stato

Continue reading “Nicaragua: troppo vicino agli USA per non rischiare il golpe” »

Share Button