Tag Archives: Raul Capote

Da James Monroe a Marilyn Monroe: l’America agli americani

Raúl AntonioCapote – https://nostramerica.wordpress.com

Raúl Capote è stato un doppio agente, arruolato dalla CIA ma fedele alla Rivoluzione Cubana. Prima di cadere in questa tremenda avventura, era un docente con aspirazioni letterarie, un intellettuale con le sue inquietudini, un uomo alla ricerca di una naturale autoaffermazione. Il suo contatto con gli agenti statunitensi, lungo e teso, gli ha insegnato tante cose, prima fra tutte l’infinita gamma di strategie, di trucchi, di tecniche di destabilizzazione e di inquinamenti della realtà. Ha scritto un libro in cui ha descritto tutto questo; lo ha presentato a Roma qualche anno fa accompagnato da me che ero sicura di trovare una sala affollata anche di giornalisti attirati dalle rivelazioni contenute nel libro. La sala era mezza vuota e la stampa ha ignorato la presenza di questo straordinario testimone. Oggi Capote ha pubblicato sul Granma questo articolo che contiene molta più verità di quanta saremmo disposti a credere. (a.r.)

Continue reading “Da James Monroe a Marilyn Monroe: l’America agli americani” »

Share Button

‘La guerra que se nos hace’ (‘La guerra che ci vien fatta’)

Il piano nemico si sconfigge con più cubani difendendo la loro realtà

 

Il libro ‘La guerra que se nos hace’ (‘La guerra che ci vien fatta’) di Raúl Capote, che si presenta in questi giorni alla 27a edizione della Fiera Internazionale del Libro, racconta che una delle ossessioni della CIA era quella di avere una piattaforma per la connessione Internet in Cuba sotto il controllo USA

Iramsy Peraza Forte http://www.granma.cu

La CIA aveva riposto le sue speranze nell’agente «Pablo». Aveva un’eccellente formazione intellettuale e facilità di relazionarsi con i giovani studenti, il centro dell’attenzione di Washington a Cuba. La Sicurezza dello Stato, tuttavia, aveva piena fiducia in “Daniel”.

Continue reading “‘La guerra que se nos hace’ (‘La guerra che ci vien fatta’)” »

Share Button

La Guerra Sporca dell’USAID

Raul Antonio Capote https://lapupilainsomne.wordpress.com

usaid-zio-samL’Alleanza per il Progresso fu un programma di “aiuto economico”, “politico” e “sociale” degli USA, era una sorta di piano Marshall ed il primo grande tentativo di fermare la rivoluzione latino-americano, isolare Cuba, stigmatizzarla e ridurre al minimo l’esempio che, da essa, potesse emanare verso un continente che si sollevava in cerca di libertà. 20 miliardi di dollari dovevano essere dedicati a fermare l’esempio di Cuba.

Continue reading “La Guerra Sporca dell’USAID” »

Share Button

Cavallo bardato, frusta in mano e sperone al tallone

Raul Antonio Capote http://www.granma.cu

cuba-internet-freedoom-ciaL’evento tenutosi i giorni 12 e 13 settembre a Miami, Cuba Internet Freedom (CIF) è stato un fallimento in molti sensi: bassa e scarsa partecipazione di veri specialisti nelle TIC, la presenza di individui molto poco preparati per lanciarsi, con serietà, all’analisi dei temi proposti, il dilettantismo a raffica; le relazioni furono di grande povertà scientifica, lontane dalla realtà di Cuba e intellettualmente deplorevoli. Non poteva essere altrimenti, lo stesso concetto dell’evento era un inganno.

Continue reading “Cavallo bardato, frusta in mano e sperone al tallone” »

Share Button

Sparano: Il bersaglio è la Rivoluzione

Raul Antonio Capote – https://lapupilainsomne.wordpress.com

target cubaNel mondo di oggi quasi nulla è spontaneo, molto meno quello che accade in Internet e ancor meno sui social network digitali.

Continue reading “Sparano: Il bersaglio è la Rivoluzione” »

Share Button

Tornare a Cuba: Sì o No?

R. A. Capote – https://eladversariocubano.wordpress.com

avanaDi solito si parla di quanti cubani viaggiano fuori da Cuba e quanti non tornano a vivere sull’isola; i dati vengono spesso manipolati a fini politici per danneggiare l’immagine di Cuba. Poco si dice del numero di cubani che decide di tornare a vivere definitivamente a Cuba, dopo aver lasciato l’isola a un certo punto della loro vita, con lo scopo di non tornare più.

Continue reading “Tornare a Cuba: Sì o No?” »

Share Button

Ana Belén Montes e gli altri: gli USA non perdonano

A. Riccio – https://nostramerica.wordpress.com

ana belen montes amarilloUn bel po’ di anni fa, una persona reclutata dalla CIA incautamente, visto che si era rivolta subito ai servizi di sicurezza cubani e aveva lavorato come doppio agente fino a quando la rete a cui apparteneva non fu scoperta a causa di un tradimento, mi aveva confessato di avere ancora molta paura a muoversi in giro per il mondo perché –diceva- la CIA non perdona. Con il tempo siamo diventati amici e la sua testimonianza mi ha aiutato a capire il meccanismo perverso dello spionaggio ma anche il trauma individuale e lo stress personale di chi decide di mettersi a servizio di uno Stato; beninteso che nel caso del mio amico o di Raúl Capote (Daniel), si tratta di persone che hanno servito Cuba, senza trarne alcun particolare beneficio economico o sociale.

Continue reading “Ana Belén Montes e gli altri: gli USA non perdonano” »

Share Button

La guerra che ci fanno

Share Button

Intervista a Raul Capote, doppio agente segreto a Cuba

Luca V. Calcagno | articolotre.com

raul capoteRaul Capote è un professore all’università dell’Avana che ha lavorato come agente segreto per la CIA, e contemporaneamente per il controspionaggio cubano, tra il 2005 e il 2011. La CIA mirava a creare una contestazione interna a Cuba in opposizione alla Rivoluzione. Il controspionaggio di Capote ha permesso di ricostruire la rete di infiltrati CIA presente sull’isola. La sua storia è stata raccontata nel libro “Un altro agente all’Avana”. A organizzare la sua visita in Italia, l’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba.

Continue reading “Intervista a Raul Capote, doppio agente segreto a Cuba” »

Share Button

Sono stato un agente cubano infiltrato nella CIA

Geraldina Colotti  http://ilmanifesto.info 

enemigo_raul_capote«Venni reclu­tato dalla CIA per pre­pa­rare la sov­ver­sione politico-ideologica con­tro il mio paese». Il pro­fes­sor Raul Capote comin­cia così il suo rac­conto al mani­fe­sto. In mano ha il libro «Il nostro agente all’Avana», appena pub­bli­cato in Ita­lia da Zam­bon. Un’ampia scheda di Ales­san­dro Pagani, il cura­tore, rica­pi­tola ter­mini e tappe della «guerra psi­co­lo­gica degli Stati uniti con­tro Cuba».

Continue reading “Sono stato un agente cubano infiltrato nella CIA” »

Share Button

Cuba: cosa altro possiamo fare

R. A. Capote  https://eladversariocubano.wordpress.com

capoteQuattro anni è poco, ma per noi sono stati quattro secoli di fervore, entusiasmo, passione e affetto, un affetto immenso, incomparabile, è stato un periodo di sfide, di adattamento, d’incomprensioni, di dolore anche.

Continue reading “Cuba: cosa altro possiamo fare” »

Share Button

Los Aldeanos, l’USAID ed i piani contro Cuba

Raul Capote https://eladversariocubano.wordpress.com

Ed io dico che chi si presta  come peone del veleno, è due volte stupido e non voglio essere ballerino nella sua festa.

 Silvio Rodríguez

enemigo_raul_capoteAmmetto che è stata una sorpresa ascoltare il rap dedicato da Aldo alla destra fascista venezuelana “Para Venezuela, de Aldo”; uno tiene sempre, in questi casi, un pò di speranza, nonostante che la realtà dell’agire de Los Aldeanos durante la loro carriera musicale, indicava un cambiamento importante dal momento in cui entrarono in contatto con il promotore serbo Rajko Bozic, uno dei produttori dell’Exit Festival in Serbia.

Continue reading “Los Aldeanos, l’USAID ed i piani contro Cuba” »

Share Button

La messa a fuoco dell’accesso alle tecnologie della comunicazione

N. De Armas http://www.granma.cu

abel-universidad-11“L’accesso a Internet e alle nuove tecnologie della comunicazione in Cuba dovrà avere una messa a fuoco verso la formazione e la cultura”,  ha detto l’assessore del presidente cubano Raúl Castro, Abel Prieto.

Continue reading “La messa a fuoco dell’accesso alle tecnologie della comunicazione” »

Share Button

Rivelazioni sul programma “viaggiatori”

Scritto da Juventud Rebelde (tratto da CubaSi)

capote

Raúl Capote, scrittore e professore universitario, ex agente “Daniel” dell’ intelligence cubana e “Paolo” per la Central Intelligence Agency USA – CIA – ha ancora fresco nella sua memoria il giorno – alla fine del 2009 – in cui Rene Greenwald, l’ufficiale CIA con cui lavorava, e Marc Wachtenheim, che si occupava di Cuba per la Fondazione Pan Americana per lo Sviluppo, gli parlano dell’idea di un progetto come questo, che si sta denunciando ora, e gli chiedono che appoggi un gruppo di giovani che verranno a Cuba con l’intenzione di cercare e identificare leader politici e attivisti all’interno delle università. Continue reading “Rivelazioni sul programma “viaggiatori”” »

Share Button